Incidenti stradali

Investimento di via Vespucci: affidate stamane le perizie sulle dinamiche

Tra due mesi la verità, la prima, sulla dinamica dell’incidente stradale avvenuto la notte di Halloween nei pressi della Lega Navale di Brindisi: oggi il pubblico ministero ha conferito incarico per la perizia necessaria a stabilire la causa dell’investimento in cui ha perso la vita Andrea De Nigris

BRINDISI – Tra due mesi la verità, la prima, sulla dinamica dell’incidente stradale avvenuto la notte di Halloween nei pressi della Lega Navale di Brindisi: oggi il pubblico ministero ha conferito incarico per la perizia necessaria a stabilire la causa dell’investimento in cui ha perso la vita Andrea De Nigris, studente brindisino che il 30 novembre prossimo avrebbe compiuto 19 anni, e nel quale è rimasta gravemente ferita una ragazza di 16 anni che si trovava con la vittima.

Sotto inchiesta c’è un coetaneo della vittima che frequenta l’ultimo anno dell’istituto tecnico industriale Majorana: era alla guida dell’auto, una Suzuki Splash, ed è indagato per omicidio colposo e lesioni, con l’aggravante della guida in stato di ebbrezza. Dalle analisi svolte subito dopo l’incidente e poi ripetute a distanza di 24 ore, è emersa una concentrazione di alcool superiore al limite massimo stabilito dalle disposizioni di legge: 1,17 g/l grammi per litro, stando ai risultati che sono stati acquisiti dagli agenti della Polizia stradale, diretti dal vicequestore Pasqualina Ciaccia, per essere consegnati al pubblico ministero inquirente, Pierpaolo Montinaro.

L'auto investitrice-3Il sostituto procuratore questa mattina ha incontrato le parti per stabilire i quesiti da sottoporre al consulente nominato nei giorni scorsi, l’ingegnere Angelo Nocioni: il professionista che già in diverse altre occasioni è stato chiamato in veste di perito della Procura, dovrà ricostruire la dinamica dell’incidente e descrivere la traiettoria seguita dall’auto, indicando anche la velocità.

Per lo svolgimento delle operazioni peritali, Nocioni dovrà svolgere ispezioni del luogo in cui è avvenuto l’investimento mortale, lungo via Amerigo Vespucci, a pochi metri dall’ingresso della sezione brindisina della Lega Navale, così come  dell’utilitaria posta sotto sequestro. Avrà a sua disposizione anche la documentazione raccolta dagli agenti e le foto scattate nell’immediatezza dei fatti, nelle quali sono stati messi in evidenza i segni di una lunga frenata sull’asfalto e il punto in cui si presume che i due ragazzi si trovassero al momento della tragedia.

Il luogo dell'investimento mortale, in via Vespucci-2Trattandosi di un accertamento tecnico irripetibile, nei giorni scorsi, sono stati avvisati i legali del giovane indagato, dei genitori esercenti la patria potestà sulla 16enne e i familiari dello studente deceduto. Questa mattina, in Procura, c’era l’avvocato Gianvito Lillo per il ragazzo di 19 anni finito sotto inchiesta: il penalista ha nominato come proprio consulente l’ingegnere Michele Zongoli. Mentre i genitori e la sorella di Andrea De Nigris, era presente l’avvocato Carlo Panzuti il quale ha conferito incarico all’ingegnere Casati e infine l’avvocato Massimo Ciullo per i parenti della minorenne rimasta gravemente ferita.

La ragazza è ancora ricoverata nel reparto di Ortopedia dell’ospedale Antonio Perrino di Brindisi, dov’è circondata dall’affetto della famiglia, degli amici e dei medici. Le operazioni peritali cominceranno sabato 14 novembre, le conclusioni sono attese fra sessanta giorni, tempo accordato dal pubblico ministero per il deposito della prima relazione.

Quella notte Andrea De Nigris che solo lo scorso anno aveva conseguito la maturità al Liceo scientifico Monticelli di Brindisi,  era in compagnia dell’amica sedicenne: stavano rientrano a casa a piedi. All’improvviso le grida, l’investimento, le sirene, la corsa al Pronto soccorso.  La tragedia nella notte che era stata di festa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investimento di via Vespucci: affidate stamane le perizie sulle dinamiche

BrindisiReport è in caricamento