rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Incidenti stradali San Vito dei Normanni

Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

Auto fuori strada sulla San Vito-Ceglie. Messaggio del padre di un ragazzo per il Pronto soccorso del "Camberlingo"

SAN VITO DEI NORMANNI – Quattro giovani feriti in un incidente stradale avvenuto la notte scorsa attorni all’1,15 sulla provinciale San Vito dei Normanni – Ceglie Messapica, nel tratto tra San Vito e San Michele Salentino. L’auto su cui viaggiavano, condotta da una ragazza, è finita contro un muro a secco dopo una sbandata, in un punto in cui la strada forma una curva.

Soccorsi da ambulanze del 118, due ragazze sono state trasferite all’ospedale Perrino di Brindisi, la conducente e un ragazzo sono stati invece trasportati all’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana, dove sono stati raggiunti anche dai genitori del giovane, il cui padre – che poco prima si era recato sul luogo dell’incidente, ha voluto esprimere attraverso il nostro giornale parole di stima per il personale medico e paramedico.

“Probabilmente – ci ha detto – scriverò alla direzione generale della Asl di Brindisi per esprimere il mio sincero apprezzamento nei confronti dei sanitari di guardia la scorsa notte al Pronto soccorso dell’ospedale di Francavilla Fontana. Sono momenti i cui genitori vivono una grande apprensione per le condizioni dei propri ragazzi, e lo stesso era per me”, racconta la persona che ha voluto raccontare al giornale la propria esperienza.

“Chi si è occupato di figlio e dalla conducente dell’auto, che è la fidanzata del mio figlio maggiore, lo ha fatto non solo con la professionalità e la competenza richieste, ma anche con un comportamento di grande attenzione e umanità nei nostri confronti, informandoci dettagliatamente e rassicurandoci. Grazie a loro, le lunghe ore trascorse in ospedale sono state meno pesanti. Li ringrazio per questo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

BrindisiReport è in caricamento