menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontro tra scooter e auto nel centro abitato: motociclista perde la vita

Alfredo Biasco, 40 anni, titolare del chiosco di parco Maniglio, è stato sbalzato dal sellone di uno scooter T-Max dopo lo scontro con una Fiat Panda che usciva da un parcheggio. Scene strazianti al rione Bozzano

BRINDISI – Tragedia nel cuore del quartiere Bozzano. Il 40enne Alfredo Biasco, titolare del chiosco situato all’interno di parco Maniglio, ha perso la vita a seguito di un impatto verificatosi in via Germania, a poche decine di metri dal parco.  Il 40enne aveva lasciato il piccolo polmone verde, meta di svago dei bambini e delle famiglie del rione, a bordo di uno scooter di grossa cilindrata T-Max di colore nero. Biasco era diretto verso la circonvallazione. Arrivato all’altezza dell’ufficio postale, non è riuscito a evitare la collisione con una Fiat Panda condotta da una donna che in quel momento stava effettuando una manovra per uscire da uno stallo per disabili, immettendosi sulla corsia di marcia.

A seguito dell’impatto con lo spigolo anteriore sinistro della vettura, Biasco è stato sbalzato dal sellone, facendo un volo di alcuni metri conclusosi con un violento impatto sull’asfalto. Il malcapitato è andato a finire quasi sotto al paraurti di una vettura parcheggiata sul lato opposto della carreggiata.

Incidente mortale Alfredo Biasco-3

Il 40enne calzava regolarmente il casco. Ma le lesioni interne non gli hanno lasciato scampo. Un cittadino ha effettuato un massaggio cardiaco, in attesa dell’arrivo di personale del 118. I tentativi di rianimazione successivamente praticati dai paramedici sono andati avanti per più di mezzora, davanti agli sguardi atterriti dei famigliari di Biasco, dei residenti e della stessa conducente della Panda.  Intorno alle 14,30, i soccorritori hanno alzato bandiera bianca. Straziante il dolore dei congiunti, strettisi intorno alla salma ricoperta da un telo, sotto a un sole cocente.

Incidente mortale Alfredo Biasco 3-2

I rilievi del caso sono stati effettuati dagli agenti della polizia locale di Brindisi al comando di Antonio Orefice, con il supporto del poliziotti della Sezione Volanti. Il tratto di strada compreso fra via Francia e viale Gran Bretagna è stato chiuso al traffico. Sull’asfalto è stato rilevato un segno di frenata lungo qualche metro. Lo specchietto retrovisore dello scooter si trovava ad oltre 20 metri dal punto di impatto. 

Incidente mortale Alfredo Biasco-4

Dopo il nulla osta da parte del pm di turno del tribunale di Brindisi, Manuela Pellerino, il cadavere è stato trasportato in obitorio, a disposizione dello stesso magistrato. La conducente della Panda è stata accompagnata presso l’ospedale Perrino, per i prelievi ematici e tossicologici di routine. La polizia locale potrebbe acquisire le immagini riprese dalle telecamere della zona, per chiarire la dinamica del sinistro. 

Grande lo sgomento fra i residenti del quartiere Bozzano. Biasco, padre di due bambini, gestiva da qualche anno il bar del parco. Appassionato di musica napoletana, con l’arrivo della bella stagione aveva ripreso a organizzare le serate all’insegna del karaoke. 
 

Articolo aggiornato alle ore 16,33

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento