Stesso incrocio sulla provinciale, due incidenti nel giro di due ore

Doppio sinistro sulla strada San Pietro Vernotico-Mesagne. Nel primo caso, tre persone ferite. Intervenuti pompieri e 118

Due incidenti si sono verificati a distanza di circa un paio d’ore l’uno dall’altro, quasi nello stesso punto, sulla strada provinciale che collega San Pietro Vernotico a Mesagne. Il primo sinistro è avvenuto intorno alle 15 di oggi (6 dicembre). Il secondo intorno alle 17. In entrambi i casi, le due collisioni sono avvenute nei pressi dell’incrocio con la strada provinciale Brindisi-San Donaci.

3f43de38-96fa-4e54-9a7b-55c4904bcef6-2

Nel primo caso, sono due le vetture coinvolte, una Fiat 500 e una Fiat Panda, a bordo delle quali viaggiavano complessivamente tre persone. Da quanto appreso, la fiancata lato guidatore della 500 è stata centrata in pieno dal “muso” della Panda. Questa ha terminato la sua corsa al centro dell’incrocio. La Fiat si è vernata sul margine della carreggiata. Tutte e due le vetture hanno riportato danni ingenti.

Sul posto si sono recate le ambulanze con personale del 118 e i carabinieri. I malcapitati sono stati accompagnati in ospedale. Nessuno di loro, fortunatamente, pare corra pericolo di vita.

Scenario analogo si è ripetuto intorno alle 17, quando si è verificato il secondo sinistro fella giornata. La zona, come detto, è quasi la stessa. In questo caso, oltre al personale sanitario, sono intervenuti anche i vigili del fuoco, per la messa in sicurezza dei mezzi incidentati. Le persone coinvolte non hanno riportato gravi ferite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento