menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidenti stradali: raffica di condanne per “ponci” a Brindisi

Sentenza del Tribunale in tarda serata: cinque anni e sette mesi per Egizio Gianluca Maisto e cinque anni per l'avvocato Silvia Bellino, riconosciuta l'esistenza di un'associazione per delinquere. La difesa in Appello

BRINDISI – Incidenti stradali non reali, ma falsi. In brindisino: ponci. Ponci per incassare gli indennizzi dalle compagnie di assicurazione. L’accusa mossa dal pm di Brindisi Milto Stefano De Nozza è stata confermata dal Tribunale con una raffica di condanne e la conferma dell’esistenza di un’associazione per delinquere contestata anche nei confronti dell’avvocato civilista Silvia Bellino condannata a cinque anni di reclusione.

Il sostituto procuratore Milto De NozzaIl verdetto di primo grado è stato pronunciato dopo le 22 di oggi, 27 marzo 2017, al termine del processo scaturito dall’inchiesta sui sinistri stradali a Brindisi città tra il 2009 e il 2010, dopo otto ore di camera di consiglio. I difensori degli imputati hanno già anticipato il ricorso in Appello, una volta che saranno depositate le motivazioni. Novanta giorni.

Queste le condanne del Tribunale, presidente Domenico Cucchiara: per Egizio Gianluca Maisto cinque anni e sette mesi (a fronte della richiesta di otto anni, un mese e venti giorni di reclusione (per trenta capi di imputazione e assoluzione per due); per Silvia Bellino, avvocato, cinque anni (richiesta sette anni e sette mesi). Sono le condanne più pesanti.  

Le altre condanne: Maria Bleve un anno e un mese; Antonio Catanzaro un anno e un mese (richiesta due anni e due mesi); Lucia Cavallo, un anno e un mese ( due anni, sette mesi e 25 giorni); Romina Cavallo un anno e tre mesi (due anni e sei mesi); Maria Celeste un anno (tre anni e cinque giorni); Pietro Ciciriello due anni (cinque anni, dieci mesi e venti giorni); Rocco Ciciriello un anno e un mese (due anni, otto mesi e 10 giorni).

Ancora condanne per: Daniela D’Amico un anno e un mese (due anni, tre mesi e 25 giorni); Giusy D’Amico (moglie di Maisto) due anni e due mesi (cinque anni, nove mesi e venti giorni); Luana D’Amico un anno e un mese, (due anni, tre mesi e cinque giorni); Partorina D’Isanto un anno e un mese (due anni e tre mesi); Giuseppe De Tommaso un anno e un mese (due anni e tre mesi); Giovanna De Vincentis un anno e un mese (due anni, nove mesi, 25 giorni); Maria Di Totero un anno e un mese (due anni, nove mesi, 25 giorni); Vittoria Errico un anno e un mese (due anni, tre mesi e 20 giorni); Cristian Ferrarese un anno e un mese (due anni, tre mesi e cinque giorni).

Conto della giustizia presentato dal Tribunale anche per: Adolfo Galluzzo un anno e un mese (due anni, quattro mesi e dieci giorni);  Daniele La Forgia un anno (due anni e tre mesi); Antonio Laroso un anno e un mese (due anni, quattro mesi e dieci giorni). Condanna anche per Danio Maisto un anno e un mese (quattro anni, nove mesi e 25 giorni); Gennaro Maisto un anno e un mese (due anni, tre mesi e venti giorni); Massimo Mauro un anno (un anno); Chiara Monaco un anno e un mese  (due anni, tre mesi e 25 giorni); Giovanni Monaco un anno e tre mesi (due anni, cinque mesi e 25 giorni); Maria Nisi, un anno e un mese

Sentenza di condanna anche per: Domenico Pascariello, un anno e quattro mesi (quattro anni, dieci mesi e 15 giorni); Pietro Pascariello un anno e un mese (due anni, tre mesi e venti giorni); Margherita Pennetta un anno e un mese (due anni, tre mesi e venti giorni);Stefano Pitzalis un anno e due mesi;  Antonio Rocco un anno e tre mesi  (due anni, cinque mesi e 20 giorni); Luca Romano un anno e un mese; Adamo Sardella  un anno e un mese (due anni, cinque mesi e 20 giorni); Teodoro Sardella un anno e un mese (due anni, quattro mesi e 10 giorni); Sabrina Sperti un anno e un mese (due anni, tre mesi e 10 giorni). Infine condanna per: Marco Tagliente un anno (due anni, cinque mesi e 10 giorni); Lucrezia Tara un anno e un mese (due anni, tre mesi e 10 giorni); Isabella Trane un anno un mese (due anni, cinque mesi e 25 giorni); Maria Vergaro un anno e tre mesi (due anni e sei mesi).

La legge è uguale per tuttiAssoluzione nei confronti di: Cosimo Bianco, Francesco Bianco, Antonio Catanzaro, Giovanni De Matteis e Fabrizio Marangio perché il fatto non sussiste; Vanda Spinosa, Lucia Cavallo, Giovanna De Vincentis, Maria Di Totero, Vittoria Errico, Daniele La Forgia, Danio Maisto, Domenico Pascariello, Adamo Sardella e Maria Vergaro per non aver commesso il fatto; Maria Celeste per non aver commesso il fatto; Daniela Pitzalis  per non aver commesso il fatto; Marco Tagliente per non aver commesso il fatto.

Nel collegio difensivo ci sono gli avvocati: Laura Beltrami, Simona De Rocco, Giuseppe Guastella, Paolantonio D’Amico, Raffaele Missere, Ladislao Massari, Alessandro Longo, Cinzia Cavallo, Fabio Di Bello, Francesco Cascione, Livio Di Noi, Ernestina Sicilia, Albino Quarta, Cosimo Luca Leoci, Gianluca Palazzo, Roberto Cavalera, Giacomo Serio. Le assicurazioni parti civile sono:  Unipol, Assimoco, Aviva, Generali, Ina, Navale, Milano, Aurora, Ubi, Ugf, Lloyd, Fondiaria, Carige, Sara, Axa, Zurichi e Allianz.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento