Incontro Bubbico-sindacati di polizia

BRINDISI - Nel pomeriggio di sabato scorso, i segretari provinciali dei sindacati della Polizia di stato Siulp, Sap e Silp per la Cgil (Domenico Conte, Francesco Pulli e Marcello Capodieci) sono stati ricevuti dal viceministro dell’Interno Filippo Bubbico

La questura di Brindisi

BRINDISI - Nel pomeriggio di sabato scorso, i segretari provinciali dei sindacati della Polizia di stato Siulp, Sap e Silp per la Cgil (Domenico Conte, Francesco Pulli e Marcello Capodieci) componenti l’Osservatorio Sindacale Provinciale, sono stati ricevuti dal viceministro dell’Interno Filippo Bubbico. "In premessa il viceministro è stato ringraziato per il segnale di discontinuità dato, rispetto ai precedenti esponenti politici del Viminale, con l’immediata disponibilità ad accettare di incontrare i poliziotti e le loro rappresentanze", si afferma in un comunicato.

Nel corso del confronto "franco e aperto" con i professionisti della sicurezza e le loro organizzazioni di rappresentanza, "sono state prospettate proposte concrete per tutelare e migliorare l’offerta di sicurezza ai cittadini e all’intero territorio, nonché per la salvaguardia dei diritti degli appartenenti della Polizia di Stato e dei componenti delle forze di polizia costretti ad operare in condizioni di lavoro sempre più precarie, in un territorio che richiede sempre maggiore attenzione e impegno".

Al viceministro è stata rappresentata dai tre sindacati la necessità che il governo sblocchi le risorse per il rinnovo dei contratti pubblici "ed è stato esortato perché porti all’intero esecutivo di quanto sarebbe grave e inaccettabile che le retribuzioni della forze di polizia, dopo tre anni di blocco, durante i quali hanno pesantemente perso potere d’acquisto, subissero un’ulteriore proroga di blocco. Azioni concrete che vanno nella direzione prospettata, valorizzerebbero il lavoro ed il sacrificio quotidiano degli addetti alla delicata funzione loro demandata, con la quale si assicura la convivenza civile nel Paese".

Gli interventi degli esponenti sindacali, dai quali è emersa la seria criticità in cui versano le forze di polizia di questa provincia riguardo alla inadeguatezza di risorse umane e strumentali, "sono stati ascoltati con attenzione. Nel corso dell’incontro è stato evidenziato quanto più volte ribadito in altre occasioni pubbliche circa la datazione a cui risalgono gli organici degli uffici della Polizia di Stato nella provincia di Brindisi, e di quanto le esigenze del territorio siano naturalmente aumentate da 24 anni a questa parte".

"Nel 1989, infatti, la provincia di Brindisi - hanno detto i segretario dei tre sindacati al viceministro Bubbico - non contava la presenza del commissariato di Mesagne e del Centro Cara-Cie di Restinco e l’intera amministrazione era priva di nuove figure professionali come il poliziotto di quartiere e l’Urp".

Sono state inoltre condivise "le problematiche prospettate nella consapevolezza che i tagli operati negli ultimi anni con le manovre finanziarie, hanno fortemente contratto le risorse a disposizione del comparto della sicurezza pubblica e penalizzato anche le capacità operative delle forze dell’ordine, incidendo non solo su un’adeguata, efficiente e moderna disponibilità di mezzi e strumenti, ma ha allo stesso tempo indebolito la stessa dotazione del personale, che nel frattempo, con un’età media che si attesta a quasi 50 anni, costringe spesso a pesanti sacrifici e turnazioni che rendono sempre più onerosi i compiti del personale stesso".

Il viceministro Bubbico, nel dichiarare che la sicurezza dei cittadini rientra nei diritti fondamentali, che passa anche attraverso il rispetto della dignità degli uomini e delle donne delle forze dell’ordine, "si è impegnato a sostenere tali considerazioni in Parlamento e in ragione del suo mandato davanti all’intero esecutivo, affinché ci sia una netta inversione di rotta e si torni ad investire sulla sicurezza come bene primario del nostro Paese, al pari del lavoro, dell’istruzione e della salute, con la certezza di riuscire quanto prima a dare risposte concrete alle criticità prospettate dai rappresentanti dell’Osservatorio Sindacale Provinciale della Polizia di Stato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz dei carabinieri contro la Scu: 37 arresti per droga, armi ed estorsioni

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Operazione Synedrium: i pizzini, le armi e il ruolo delle donne

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

Torna su
BrindisiReport è in caricamento