Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Falzarano: salta di nuovo l'accordo sindacale, tensione fra lavoratori e azienda

Fumata nera sul passaggio di personale. I sindacati continuano a rivendicare il riconoscimento delle indennità. Digos presente all'incontro

BRINDISI – Si allontana sempre di più il giorno del passaggio di consegne fra la ditte Ecologica Pugliese ed Ecologia Falzarano, nel servizio di raccolta dei rifiuti urbani per conto del Comune di Brindisi. L’incontro (a tratti burrascoso) svoltosi nel pomeriggio di oggi (21 febbraio) fra i rappresentanti dei sindacati e i dirigenti del nuovo gestore, in presenza anche di esponenti dell’amministrazione comunale (fra cui il dirigente del settore Ambiente, Gaetano Padula, il segretario generale, Giuseppe Salvatore Alemanno, e la responsabile della Ragioneria, Mirella Destino) si è concluso nuovamente con un nulla di fatto.

Non c’è stato alcun riavvicinamento fra le parti rispetto all’incontro (anche quello burrascoso) di venerdì scorso (17 febbraio): i lavoratori chiedono che la società di Benevento (rappresentata, fra gli altri, anche dall’ex consigliere comunale Massimiliano Oggiano) riconosca le indennità legate alle presenze e alla produttività (si parla di circa 250 euro al mese), già riconosciute da Ecologica Pugliese e previste dal capitolato di gara; la ditta, invece, appellandosi al contratto collettivo nazionale del lavoro, sostiene di non essere tenuta a garantire tale indennità. L’acceso confronto si è svolto nell’aula Mario Marino Guadalupi di Palazzo di città, dove si sono ritrovati decine di lavoratori. Anche i poliziotti della Digos hanno assistito all’incontro.

VIDEO: MOMENTI DI TENSIONE DURANTE L'INCONTRO

Oltre all’accordo sindacale riguardante il passaggio di personale, ci sono altri scogli da superare. L’amministrazione comunale deve infatti acquisire la certificazione antimafia da parte della prefettura di Benevento, la polizza fideiussoria e il contratto stipulato fra la ditta e i proprietari del piazzale di via Benvenuto Cellini, al rione Sant’Elia, in cui verranno realizzati il parco mezzi e i servizi per il personale (spogliatoi, docce, servizi igienici). Occorreranno dei giorni, forse delle settimane, per completare l’iter che precede l’eventuale sottoscrizione del contratto fra l’amministrazione comunale e la società campana, aggiudicatasi il bando di gara pubblicato lo scorso gennaio (nessun altra ditta, del resto, vi ha partecipato). Dopo di che il Comune avrà 15 giorni di tempo per effettuare le verifiche sui mezzi. 

I lavoratori hanno dato segni di insofferenza riconducibili anche al ritardo di sei giorni accumulatosi nel pagamento della mensilità di gennaio. A tal proposito il dirigente Padula ha annunciato che sarà l’amministrazione comunale, come avvenuto già in altre circostanze, a pagare direttamente i lavoratori, bypassando Ecologica Pugliese, ttraverso una determina che verrà sottoscritta nel pomeriggio odierno.

Fra le persone che hanno assistito all’incontro vi eranp anche alcuni fra i 20 lavoratori che nella giornata di oggi sono stati assunti per i prossimi 15 giorni dalla ditta Ecologica Pugliese, per espletare il servizio di spazzamento e pulizia dei rioni. Uno di loro, Danilo Reho, ha preso la parola, chiedendo che anche queste unità vengano incluse nel passaggio di personale, tenuto conto del fatto che la Falzarano ha dato la propria disponibilità a modificare il capitolato, inserendo una clausola che prevede l'assunzione dei figli dei lavoratori neopensionati. 

Ad ogni modo oggi si è avuta l'impressione che nessuna delle parti intenda accelerare i tempi per l’agognato cambio di gestione. Anche perché il giudizio del Tar sul ricorso contro l’affidamento del servizio alla Falzarano presentato da Ecologica Pugliese, previsto per il prossimo 1 marzo, potrebbe sparigliare le carte. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falzarano: salta di nuovo l'accordo sindacale, tensione fra lavoratori e azienda

BrindisiReport è in caricamento