Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Fasano

Ristoratore nel mirino degli incendiari: tre attentati in un mese

Lo scorso 30 agosto incendiata l'auto di un imprenditore di Fasano che aveva già subito due incendi ai danni del suo pub

FASANO – Lo scorso 30 agosto hanno dato fuoco alla sua auto, presso la frazione balneare di Torre Canne. Sempre nel mese di agosto, aveva subito due attentati incendiari ai danni della sua attività ristorativa situata nel cuore di Fasano, il pub Cineporti. Presto potrebbero giungere a una svolta le indagini su una serie di gravi messaggi intimidatori ricevuti da un noto ristoratore fasanese, avvenuti in uno scenario che potrebbe avere dei collegamenti con un altro grave episodio avvenuto la sera del 2 luglio a Torre Canne, quando un giovane esplose alcuni colpi di arma da fuoco dopo aver seminato il panico fra i passanti, a bordo della propria auto.

I carabinieri della compagnia di Fasano sono al lavoro per identificare dei cittadini ripresi dalle telecamere di videosorveglianza comunale, che hanno incrociato nel tragitto il responsabile degli incendi al locale commerciale dell’imprenditore fasanese, al fine di configurare a loro carico eventuali responsabilità di natura penale. L’intera vicenda è infatti avvolta da un velo di omertà, se si considera che l’incendiario entrato in azione nel centro di Fasano è stato notato da più persone, ma nessuna di queste ha collaborato con gli investigatori.

L’ultimo incendio, come detto, risale alla notte del 30 agosto, quando è stata presa di mira l’auto del ristoratore. Secondo le forze dell’ordine tale incendio è solo l’ultimo tassello di una sorta di strategia intimidatoria ordita da malfattori nei confronti dell’imprenditore. I carabinieri sospettano che i fatti accaduti li riconducono a un’unica regia e ad uno stesso autore, che, come detto, non si esclude possa celarsi anche tra le pieghe della vicenda verificatasi presso il porto di Torre Canne nella serata del 2 luglio scorso, culminata con l'arresto del 25enne Leonardo Potenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratore nel mirino degli incendiari: tre attentati in un mese

BrindisiReport è in caricamento