menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una carboniera per la centrale Edipower a Costa Morena Est

Una carboniera per la centrale Edipower a Costa Morena Est

Indagini Edipower: al centro il carbone

BRINDISI - Affiorano con difficoltà, dato lo strettissimo riserbo osservato dalla procura della Repubblica e dalla polizia giudiziaria, in questo caso la Guardia di Finanza, i particolari sulle attività investigative che hanno condotto stamani il Nucleo di polizia tributaria di Brindisi a sequestrare documentazione presso gli uffici dell'assessorato alla Programmazione economica, al Comune capoluogo, e presso l'Autorità portuale. Le persone oggetto delle perquisizioni della polizia tributaria, oltre quelle effettuate presso gli uffici pubblici, sono l'assessore Francesco Cannalire, l'ex sindaco Giovanni Antonino, che svolge attività di consulenza industriale, il vice presidente dell'Asi e della Camera di Commercio, Mimmo Convertino, ma sembra nel ruolo di imprenditore e non di amministratore degli enti, e il segretario generale dell'Autorità portuale, Nicola Del Nobile.

BRINDISI - Affiorano con difficoltà, dato lo strettissimo riserbo osservato dalla procura della Repubblica e dalla polizia giudiziaria, in questo caso la Guardia di Finanza, i particolari sulle attività investigative che hanno condotto stamani il Nucleo di polizia tributaria di Brindisi a sequestrare documentazione presso gli uffici dell'assessorato alla Programmazione economica, al Comune capoluogo, e presso l'Autorità portuale. Le persone oggetto delle perquisizioni della polizia tributaria, oltre quelle effettuate presso gli uffici pubblici, sono l'assessore Francesco Cannalire, l'ex sindaco Giovanni Antonino, che svolge attività di consulenza industriale, il vice presidente dell'Asi e della Camera di Commercio, Mimmo Convertino, ma sembra nel ruolo di imprenditore e non di amministratore degli enti, e il segretario generale dell'Autorità portuale, Nicola Del Nobile.

Gli atti al centro dell'attenzione degli inquirenti riguarderebbero, secondo sommarie deduzioni - dato lo stretto riserbo - ciò che concerne il meccanismo di rifornimento e movimentazione del carbone della centrale Edipower di Brindisi Nord - Costa Morena. Quindi l'autorizzazione rilasciata per l'uso della banchina alle carboniere che Edipower utilizza come depositi galleggianti di combustibile fossile, e le operazioni di trasferimento del carbone alla centrale. Ma si tratta di notizie che al momento non sono verificabili compiutamente. Sfugge il ruolo dell'assessore, ma dovrebbe trattarsi - come nel caso dell'Autorità portuale - di un'autorizzazione. per effettuare le perquisizioni la Guardia di Finanza ha notificato agli interessati decreti del pm che equivalgono ad informazioni di garanzia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento