menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ingegneria a rischio chiusura: Emiliano convoca un vertice in Regione

Il rischio (quantomai concreto) di chiusura dei corsi di Ingegneria ospitati presso la Cittadella della ricerca sarà al centro di un incontro convocato per lunedì prossimo (16 maggio), alle ore 15, presso la sede della Regione Puglia

BRINDISI – Il rischio (quantomai concreto) di chiusura dei corsi di Ingegneria ospitati presso la Cittadella della ricerca sarà al centro di un incontro convocato per lunedì prossimo (16 maggio), alle ore 15, presso la sede della Regione Puglia, a Bari. La Regione era stata chiamata in causa come attore chiave della questione dal professore Alfredo Anglani, presidente del Consiglio di  Ingegneria - Area Industriale di Unisalento, nell’ambito di una nota in cui si annunciava la decisione del consiglio di amministrazione dell’università di chiudere il corso triennale di Ingegneria industriale e la specialistica in Ingegneria aerospaziale.

Da quanto riferito dall’ateneo, occorrono almeno 400mila euro per tenere in vita la convenzione sottoscritta da Unisalento con Provincia,Michele Emiliano Comune e Regione. Il primo ente si è defilato da tempo. Il secondo lo ha fatto pochi giorni fa, disponendo un drastico taglio dei fondi riserbati alla facoltà, nell’ambito del bilancio consuntivo 2015.

E allora la soluzione potrebbe passare proprio da Bari. Mella giornata odierna il governatore Michele Emiliano, l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, e l’assessore alla Formazione e Lavoro, Sebastiano Leo, sono intervenuti sulla vicenda, attraverso un comunicato in cui rimarcano che “il corso di laurea in Ingegneria industriale e in Ingegneria aerospaziale in lingua inglese che hanno sede a Brindisi sono strategici per la Puglia soprattutto in una fase, come quella attuale, in cui multinazionali estere stanno investendo in questo territorio proprio nell’aerospazio e nella ricerca industriale e sviluppo sperimentale applicati a questo settore”.

“Tuttavia – si legge nel comunicato - non riteniamo né corretto né opportuno che siano creati allarmi prima che le istituzioni tutte facciano le opportune valutazioni del caso”.

“Proprio per questo – annunciano - il direttore del Dipartimento Sviluppo economico, Domenico Laforgia, ha convocato il rettore e il direttore generale dell’Università del Salento per un incontro, lunedì 16 maggio alle ore 15,00, nella sede di via Gobetti (Bari) della Regione Puglia”.

"I corsi di laurea nel territorio di Brindisi – proseguono – sono talmente importanti che meritano una riflessione profonda e dettagliata di tutti i soggetti istituzionali coinvolti perché si facciano le valutazioni del caso e si trovino insieme le soluzioni migliori per dare prospettive future a questi corsi”.

“Al centro della riflessione dovrà esserci insieme con l’offerta formativa del territorio brindisino  anche l’attrattività dell’intera Puglia. Temi troppo rilevanti, questi, per essere sollevati in una fase caratterizzata dalle campagne elettorali in atto”. “Sarà invece necessario coinvolgere, in un clima sereno e collaborativo, innanzitutto le istituzioni del territorio e in una seconda fase anche il mondo economico”.

“Siamo convinti – concludono – che sia questa la strada giusta per dare risposte e prospettive a Brindisi, alla Puglia e soprattutto ai giovani ingegneri di domani che cercano nel proprio territorio le opportunità di formazione e di lavoro”.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: superata quota 6mila decessi, contagi in aumento

  • Sport

    Happy Casa a corto di energie: Sassari passa al PalaPentassuglia

  • Politica

    Piano urbanistico generale, cubature da rivedere al ribasso

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento