rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Inseguimento mozzafiato nella zona industriale: sequestrata una moto

Alla vista di due poliziotti in moto della squadra Nibbio, ha tirato dritto, tentando di seminare l'equipaggio. Ma il fuggitivo è stato costretto ad abbandonare la sua moto, un potente Ktm 450 da circuito, dopo un lungo inseguimento nella zona industriale. Nessuno, del resto, può sfuggire ai motociclisti della questura di Brindisi al comando del vicequestore Alberto D'Alessandro, ribattezzati "i falchi"

BRINDISI – Alla vista di due poliziotti in moto della squadra Nibbio, ha tirato dritto, tentando di seminare l’equipaggio. Ma il fuggitivo è stato costretto ad abbandonare la sua moto, un potente Ktm 450 da circuito, dopo un lungo inseguimento nella zona industriale. Nessuno, del resto, può sfuggire ai motociclisti della questura di Brindisi al comando del vicequestore Alberto D'Alessandro, ribattezzati “i falchi” per la loro destrezza al manubrio.Le moto della Nibbio-2

I poliziotti hanno intercettato il Ktm al rione Perrino, intorno alle ore 18. Il giovane in sella alla moto, anziché fermarsi, ha imboccato via Enrico Fermi. Gli agenti lo hanno tallonato, senza perderlo di vista neanche per un istante. L’inseguimento è andato avanti per circa mezzora, lungo il reticolo di strade della zona industriale.

Arrivato in via Galileo Ferraris, il ragazzo ha imboccato i terreni di campagna, cercando di scalare una collinetta  sorta al posto di una discarica dismessa. Ma i poliziotti gli stavano dietro. Non potendo più proseguire la sua folle corsa, il motociclista ha lasciato il mezzo, ha gettato il caso per terra e si è dileguato a piedi. Al momento non è dato sapere se la moto, posta sotto sequestro, sia oggetto di furto. I Nibbio, ad ogni modo, hanno colpito ancora. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inseguimento mozzafiato nella zona industriale: sequestrata una moto

BrindisiReport è in caricamento