Cronaca Carovigno

Ubriaco e con droga a bordo, ignora l'alt e minaccia anche un poliziotto

Chissà cosa ci vorrà ormai per dichiarare in arresto una persona, se non bastano il possesso di droga ai fini di spaccio, la guida in stato di ebbrezza, la fuga davanti alla polizia ostacolando la volante con manovre pericolose, poi la violenza e le minacce nei confronti dei poliziotti

CAROVIGNO – Chissà cosa ci vorrà ormai per dichiarare in arresto una persona, se non bastano il possesso di droga ai fini di spaccio, la guida in stato di ebbrezza, la fuga davanti alla polizia ostacolando la volante con manovre pericolose, poi la violenza e le minacce nei confronti dei poliziotti. Ma il pm di turno ha solo applicato le norme che approvano i politici in Parlamento, magari gli stessi che si lamentano della situazione dell’ordine pubblico, e il tizio in questione è stato denunciato a piede libero.

E’ accaduto la notte scorsa a Carovigno, dove una volante del commissariato di Ostuni, nel corso dei servizi disposti dal questore Roberto Gentile, era impegnata in un posti di controllo in corso Umberto. Gli agenti stavano controllando i documenti di alcuni automobilisti già fermati, quando è arrivata una utilitaria con due persone a bordo, a velocità elevata. Immediatamente uno dei poliziotti ha intimato l’alt, ma l’auto ha proseguito la corsa.

L’equipaggio del commissariato di Ostuni – fa sapere in una nota il dirigente, il commissario capo Gianni Albano – si è messo subito all’inseguimento: c’è un pericoloso latitante ancora in circolazione, ci sono le misure antiterrorismo, non si poteva assolutamente lasciar fuggire il veicolo sospetto. Ma il conducente dell’utilitaria ha fatto di tutto per impedire alla volante di tagliargli la strada, con manovre a zig zag. L’inseguimento si è protratto nelle strette vie laterali a corso Umberto, e si è concluso poco dopo che da un finestrino della vettura in fuga fosse lanciato fuori un piccolo involucro. Dopo di che l’utilitaria si è fermata.

Due degli operatori della volante hanno fatto scendere gli occupanti dell’utilitaria, mentre il terzo recuperava l’involucro lanciato in strada: c’erano dieci grammi di hascisc suddiviso in tredici dosi. Alla scoperta è seguita la perquisizione a casa del soggetto che si era sbarazzato della sostanza stupefacente, ma la ricerca dava esito negativo. In questa fase, fa sapere la polizia, lo stesso individuo dava segni di insofferenza crescente sino a sfociare nelle minacce nei confronti di uno dei poliziotti: “Tu non sai chi sono io. Poi ti vengo a prendere quando sei solo”, cercando – poi- di stringere le mani al collo dell’agente.

Ma il personale impegnato nell’operazione ha evitato il peggio fermando questa reazione della persona sottoposta alle verifiche, un 34enne di Carovigno, C.L.,  il quale, però, non si è opposto ai prelievi che gli sono stati effettuati al pronto soccorso di Ostuni per misurare il tasso alcolemico, e che hanno dato un esito positivo, pari ad un 1,63 grammi per litro, oltre il triplo del limite di legge.

Dopo di che l’uomo è stato portato in commissariato, e su decisione del pm di turno denunciato a piede libero per detenzione di droga ai fini di spaccio, resistenza, violenza e  minacce a pubblico ufficiale, e guida in stato di ebbrezza alcolica. La patente di guida è stata ritirata ed inviata al prefetto di Brindisi per i provvedimenti di competenza, mentre l’ autovettura, sprovvista anche della regolare revisione, è stata sottoposta a sequestro amministrativo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco e con droga a bordo, ignora l'alt e minaccia anche un poliziotto

BrindisiReport è in caricamento