Cronaca

Insospettabile broker sorpreso con 50 grammi di cocaina vicino all'Ipercoop

Nella vita fa il broker per conto di un istituto di credito. Oltre a vendere mutui, però, il 49enne Giovanni Ruggeri, originario di Martina Franca (Taranto), incensurato, si sospetta che gravitasse nel modo della droga

BRINDISI – Nella vita fa il broker per conto di un istituto di credito. Oltre a vendere mutui, però, il 49enne Giovanni Ruggeri, originario di Martina Franca (Taranto), incensurato, si sospetta che gravitasse nel modo della droga. L’uomo nel pomeriggio di ieri (7 giugno) è stato trovato con 50 grammi di cocaina nei pressi del centro commerciale “Ipercoop Le Colonne” situato all’inizio della strada statale 7 per Taranto.

Sono stati i poliziotti della Sezione antidroga della Squadra mobile di Brindisi diretta dal vicequestore Alberto Somma a fermarlo mentre si trovava alla guida di un’Audi Tt, in compagnia di un brindisino ritenuto estraneo ai fatti. Gli agenti, impegnati in una serie di controlli contro il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, stavano monitorando via Benvenuto Cellini, al rione Sant’Elia.

La loro attenzione è stata catturata da un uomo che dopo aver confabulato per qualche istante con altri soggetti, è tornato a bordo della macchina con cui si era recato sul posto e si è allontanato dirigendosi verso la strada che collega il Sant’Elia alla superstrada per il _DSC0002-2capoluogo jonico.

I poliziotti, a bordo di un’auto civetta, hanno fermato Ruggeri all’altezza della rotonda posta fra l’ingresso dell’Ipercoop e la rampa che immette sulla statale.  L’auto è stata perquisita minuziosamente dalle forze dell’ordine, che sotto il freno a mano hanno trovato un involucro contenente 50 grammi di polvere bianca.

A quel punto il martinese è stato condotto in questura. Da lì, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, Milto Stefano De Nozza, è stato accompagnato presso la casa circondariale in via Appia con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Da questo arresto è partita un’ulteriore attività investigativa volta ad appurare quale fosse la destinazione della droga. Il sospetto infatti è che si sia aperta una linea di collegamento Brindisi-Taranto sul fronte del traffico di sostanze stupefacenti. Bisognerà capire se la tratta sia gestita da un unico sodalizio oppure se siano attivi più gruppi. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insospettabile broker sorpreso con 50 grammi di cocaina vicino all'Ipercoop

BrindisiReport è in caricamento