Interdittiva antimafia a carico di un imprenditore nel settore alimentare

L'azienda ha sede a Cisternino. Nei giorni scorsi analogo provvedimento emesso a carico di un ristoratore di San Pietro Vernotico

CISTERNINO – Seconda interdittiva antimafia emessa nel giro di pochi giorni dalla prefettura di Brindisi. La persona raggiunta dal provvedimento è il responsabile di una ditta individuale attiva nel settore alimentare, con sede a Cisternino. Il procedimento è scaturito da un’attività investigativa svolta dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi. Analoga misura era stata adottata lo scorso 13 luglio a carico di un ristoratore di San Pietro Vernotico

“Prosegue, quindi, l’azione della Prefettura di Brindisi – si legge in una nota della prefettura di Brindisi - su tutto il territorio, con una mirata attività di monitoraggio delle imprese destinatarie di finanziamenti ed appalti pubblici, nonché sulle attività produttive e commerciali. I provvedimenti   adottati rispondono all'esigenza di rafforzare la tutela dell'economia legale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento