menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Il Comune blocca la stabilizzazione di oltre 50 Lsu"

Con la delibera di Giunta del 4 novembre l'amministrazione Carluccio ha approvato un piano di stabilizzazione per soli 22 lavoratori socialmente utili sui 79

Riceviamo e pubblichiamo due interventi dei consiglieri comunali  Giuseppe Cellie e Riccardo Rossi (Brindisi Bene Comune – Sinistra per Brindisi) e del Pd di Brindisi su una delibera dell’amministrazione comunale riguardante la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili.

L'intervento di Brindisi bene comune - Sinistra per Brindisi

Con la delibera di Giunta del 4 novembre l’amministrazione Carluccio ha approvato  un  piano di stabilizzazione per soli 22  lavoratori socialmente utili sui 79 che da circa venti anni prestano servizio presso il Comune di Brindisi.

Una delibera che sconfessa il precedente piano di stabilizzazione definito nel periodo del Commissario Castelli che prevedeva nel triennio 2016-18 la stabilizzazione di tutti gli LSU.

Ricordiamo a tutti che in seguito alle nuove norme è previsto che ogni comune predisponga un piano di stabilizzazione con la Regione Puglia che mette a disposizione 3000 euro per ogni LSU stabilizzato con contratto a tempo indeterminato a tempo parziale. Inoltre vi è una precisa indicazione della Corte dei Conti che stabilisce che al di fuori dei piani di stabilizzazione  non è possibile proseguire il rapporto tra Comune e LSU

Dunque la scelta del Sindaco Carluccio e della sua Giunta è gravissima, perché nei fatti impedirà a oltre 50 lavoratori LSU di ottenere un assunzione a tempo indeterminato attesa da oltre 20 anni e quindi di ottenere il pagamento dei contributi per raggiungere una piccola pensione.

Inoltre questi lavoratori non ricompresi nelle procedure di stabilizzazione sono a rischio di interruzione del rapporto e quindi di perdere i quasi 500 euro al mese che percepiscono dall’Inps.

Non possiamo pensare che quest’amministrazione sia così cinica dal voler risparmiare sui contributi necessari per sostenere il piano di stabilizzazione aprendo una vera e propria guerra tra poveri tra coloro che verranno stabilizzati i 22 e coloro che verranno con tutta probabilità licenziati.

Chiediamo quindi al Sindaco Carluccio di ritirare la delibera 142 con il piano di stabilizzazione  e se ciò non verrà fatto depositeremo presto una mozione, da discutere in consiglio comunale, per il ritiro della stessa e per definire un piano di stabilizzazione per tutti gli LSU.

L'intervento del Partito Democratico

Come Partito Democratico di Brindisi, chiediamo all’Amministrazione Comunale, il perché su una platea di 79 Lavoratori Socialmente Utili, solo 22 di questi saranno stabilizzati, e vogliamo sapere su quali “parametri magici” si è deciso di individuare quei lavoratori.

La delibera n°142 adottata dall’attuale amministrazione e riguardante i rapporti tra LSU e Comune di Brindisi, va a smentire o meglio stravolgere quello che era il precedente piano di stabilizzazione stabilito dal Commissario Castelli ed in accordo con i sindacati, il quale prevedeva la stabilizzazione di tutte e 79 le unità di LSU nel triennio 2015-2018.

Tenuto conto che, la Regione Puglia, ha approvato il piano 2016-2018 per la stabilizzazione dei Lavoratori Socialmente Utili, che prevede finanziamenti per il triennio in favore dei Comuni che assumono gli LSU a tempo indeterminato full time/part time, incentivi per i lavoratori cui manchi un anno al pensionamento e incentivi per le imprese aggiudicatarie di gare e appalti comunali di opere e servizi che intendono assumere LSU.

Visti anche i finanziamenti stanziati dal Governo per il settore in questione, quelli regionali e la quota parte di risorse del Comune di Brindisi, ci chiediamo come mai pur essendoci risorse per risolvere totalmente la questione degli LSU, il Comune abbia adottato una soluzione che non tiene conto della totalità dei lavoratori.

Per questo il Partito Democratico, chiede la riformulazione della delibera n°142, in maniera tale da ottenere una stabilizzazione totale e non parziale di tutti i lavoratori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Allarme lupi: stragi di asini e capre nelle campagne

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento