rotate-mobile
Cronaca Mesagne

Intimidazione al sindaco Pompeo Molfetta: bucate tre gomme dell'auto

La macchina era parcheggiata nei pressi della casa del primo cittadino, che ha sporto denuncia presso il locale commissariato

MESAGNE – Bucate le gomme dell’auto di proprietà del sindaco di Mesagne, Pompeo Molfetta. La vettura era parcheggiata nei pressi dell’abitazione del primo cittadino, in una zona in cui in passato si erano già verificati altri atti vandalici ai danni del presidente dell’associazione antiracket.

Molfetta, come d’abitudine, stamani ha raggiunto il municipio in sella alla sua bici.  Per questo non si è accorto di nulla quando è uscito da Pompeo Molfetta, nuovo parco-2casa. L’atto intimidatorio gli è stato comunicato nel corso della mattinata, mentre si stava svolgendo la riunione di giunta. Una volta terminato l’incontro, il sindaco si è

recato presso il locale commissariato per sporgere denuncia a carico di ignoti.

Nella specifico sono tre le ruote danneggiate. Molfetta ha dichiarato di non aver ricevuto minacce. Il gesto, quindi, resta al momento senza un movente. Non si può escludere un legame con vicende riguardanti l’attività amministrativa. 

Riccardo Rossi: "Un atto vile"

riccardo rossi fascia tricolore-2La dichiarazione del sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi. “Apprendo con preoccupazione dell’atto intimidatorio subìto dal primo cittadino di Mesagne Pompeo Molfetta. Spiace constatare che l’impegno e l’attenzione di un sindaco attivo sul nostro territorio vengano ricambiati con tale codardia da chi ha deciso di danneggiare la sua auto”. 

“Anche a nome dell’intera coalizione composta da Brindisi Bene Comune, Pd, Leu e Ora tocca a noi, esprimo massima solidarietà a Pompeo e alla sua famiglia conscio che il ruolo di primo cittadino è quanto mai difficile. Abbiamo tutti una grande responsabilità ma non sempre il nostro impegno viene apprezzato. Alla luce di questo appare ancor più vile quanto accaduto. 

"La certezza è che non sarà questo episodio a fermare la voglia di rendere un servizio alla comunità attraverso la sua attività politica e amministrativa e che, al contrario, questo lo spingerà ad approfondire ed analizzare in maniera ancor più mordace le questioni da affrontare per il bene della sua città”.

Cgil: "I responsabili siano assicurati alla giustizia"

La dichiarazione di Antonio Macchia, segretario generale della Cgil Brindisi. “I tempi cambiano ma gli strumenti intimidatori rimangono gli Antonio Macchiastessi. Ed infatti, nella giornata di oggi, gente senza coscienza, che agisce solo con atti vili, ha pensato bene di attaccare il Comune di Mesagne, nella persona del suo Sindaco Pompeo Molfetta, tagliando tre ruote della sua vettura”.

“Noi della Cgil siamo vicini alla figura del sindaco, ma ancor più alla persona, ed auspichiamo che quanto prima questa gente sia assicurata alla giustizia. Saremo sempre accanto a coloro che agiscono nel rispetto delle regole civili e democratiche, così come contrasteremo chi vive nell’illegalità ed applica il sopruso”.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intimidazione al sindaco Pompeo Molfetta: bucate tre gomme dell'auto

BrindisiReport è in caricamento