rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca

Investigazioni abusive: l'ex assessore davanti al gup. Un'accusa va rivista

L'ex assessore Raffaele Iaia, 54 anni, e la sorella Angela, 51 anni, dovranno ripresentarsi il prossimo 14 maggio davanti al gup. Questo è l'esito dell'udienza preliminare svoltasi stamattina presso il tribunale di Brindisi, riguardo al procedimento che a vario titolo vede indagati i due. Va rivisto il capo di imputazione riguardante il trattamento illecito di dati personali.

BRINDISI – L’ex assessore Raffaele Iaia, 54 anni, e la sorella Angela, 51 anni, dovranno ripresentarsi il prossimo 14 maggio davanti al gup. Questo è l’esito dell’udienza preliminare svoltasi stamattina presso il tribunale di Brindisi, riguardo al procedimento che a vario titolo vede indagati i due per esercizio abusivo della professione di investigatore privato, trattamento illecito di dati personali, tentata concussione per costrizione mediante abuso di qualità e poteri, porto e detenzione abusivi di un’arma e delle munizioni.

Il giudice Giuseppe Licci ha deciso il rinvio dell’udienza per rivedere il capo di imputazione riguardante il trattamento illecito di dati personali.  La richiesta di rinvio a giudizio venne formulata lo scorso febbraio dal pm Milto Stefano De Nozza, che affidò le indagini, avviate nel 2013, ai poliziotti della Digos. Gli avvocati dei fratelli Iaia, Fabio Di Bello e Gianvito Lillo, puntano ovviamente al proscioglimento dei loro clienti, che hanno sempre affermato di aver agito nel rispetto della legge. 

Raffaele Iaia è stato assessore alle Attività produttive della giunta Consales dall'estate del 2013 fino al gennaio del 2014, quando si dimise dall'incarico. Poche settimane fa, è decaduto anche dal ruolo di consigliere comunale, al termine di un contenzioso giudiziario con un altro consigliere subentrato al suo posto, fra le file dell'Udc.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investigazioni abusive: l'ex assessore davanti al gup. Un'accusa va rivista

BrindisiReport è in caricamento