rotate-mobile
Cronaca

Inviti da spiaggia, con cartello

TORRE SAN GENNARO – Di personaggi così ormai non se ne vedono più. L'aspetto sembra burbero e lui sembra inavvicinabile, per la serie “lasciatemi perdere che è meglio, se non vi sto simpatico il caffè potete anche prenderlo da qualche altra parte”. Un sorriso, poi nemmeno a pagarlo. La barba lunga e bianca. Ma chissà per quale strana magia, il terrazzino del suo bar che si affaccia sul mare è sempre pieno di avventori.

TORRE SAN GENNARO - Di personaggi così ormai non se ne vedono più. L'aspetto sembra burbero e lui sembra inavvicinabile, per la serie "lasciatemi perdere che è meglio, se non vi sto simpatico il caffè potete anche prenderlo da qualche altra parte". Un sorriso, poi nemmeno a pagarlo. La barba lunga e bianca. Ma chissà per quale strana magia, il terrazzino del suo bar che si affaccia sul mare è sempre pieno di avventori.

E di tutte le età. Sarà perché non è poi così antipatico come sembra e che, pur di far divertire i bagnanti, se ne va in giro a pubblicizzare i suoi eventi con un cartello appeso al collo? Lino Corigliano, alias "l'Avvocato" è questo e anche molto di più. Gestisce insieme alla figlia Simona e a uno staff interamente di giovani un localino che si affaccia sugli scogli di Torre San Gennaro e se ne inventa una al giorno, o quasi.

Dal cartello "Solo per ieri birra a 0,50 centesimi" e simili, alle pubblicità fai da te. Domani alle 23,33 (non un minuto in più e non uno in meno), presso il suo bar, ci sarà il "pareo party" una festa in cui gli avventori (uomini e donne) dovranno presentarsi rigorosamente in pareo. Qualche giorno fa "L'Avvocato" si è messo a passeggiare sugli scogli a torso nudo con appeso al collo un cartello di cartone con la scritta (a penna) "Domenica 26 agosto, pareo party".

Se il cliente non legge il cartello, il cartello va dal cliente.E per lui non è la fine dell'estate. Il suo locale è aperto tutto l'anno e sempre con una nuova sorpresa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inviti da spiaggia, con cartello

BrindisiReport è in caricamento