menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'avvocato penalista Giovanni Luca Aresta

L'avvocato penalista Giovanni Luca Aresta

Italia in arte nel mondo, riconoscimento all'avvocato Aresta

Per il contributo alla causa di beatificazione di Aldo Moro. Premio anche a Mario Cutrì e alla memoria di Ubaldo Lay

MESAGNE - Un nuovo  riconoscimento per i mesagnesi Giovanni Luca Aresta e Mario Cutrì: sabato 16 dicembre 2017, alle 19, al teatro  “Paisiello” di Lecce, l’accademia “Italia in Arte nel Mondo” consegnerà all’avvocato Aresta l’alto riconoscimento per i diritti civili e l’impegno sociale intitolato “Il Pensatore”, omaggio ad Auguste Rodin, e al dottor Cutrì il premio “Victor Hugo” per l’impegno in favore dei diritti umani. La Commissione esaminatrice, dopo aver valutato la documentazione e i curricula dei numerosissimi proposti, pervenuti da più parti del mondo, tra gli altri, ha deciso di premiare il penalista mesagnese "in riferimento al suo grande contributo culturale dato a sostegno della causa di beatificazione e canonizzazione del servo di Dio Aldo Moro, quale esperto giurista e cultore della figura dello statista”.

mario cutrì-2Per Cutrì, dalla lettura della motivazione si apprend che “…a motivo dello straordinario impegno artistico che ha tracciato attraverso le sue magistrali interpretazioni, quale chiaro esempio di indiscussa meritocrazia, dimostrata da una grande competenza nell’arte del teatro e della poesia, la cui impronta innovativa e metodica costituisce linfa vitale per i valori preziosi che possiede con una ricchezza di arte, di solidarietà e di cultura”.

Il senato accademico onorario ha inoltre inteso riservare il premio alla memoria dell’attore mai dimenticato Ubaldo Lay, il famoso tenente Sheridan della televisione degli anni ’70, morto a 67 anni nel 1984, mesagnese di adozione che riposa nel cimitero della città messapica.

tenente sheridan-2La motivazione è la seguente: “…attore teatrale, radiofonico e televisivo degli anni ’60, espressione della gente del Sud Italia, contribuì negli anni del dopoguerra, in un momento di rinascita sociale, attraverso la sua attività di attore ad educare gli spettatori alla legalità, al senso di giustizia sociale e all’esercizio del diritto, prima dai microfoni di Radio Bari e poi attraverso la magistrale interpretazione del Tenente Sheridan, tanto più che quest’anno ricorrono i 100 anni dalla sua nascita”. Anche quest’ultimo premio sarà ritirato da Mario Cutrì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento