menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Arma dei carabinieri compie 204 anni: il bilancio delle attività nel Brindisino

Il 5 giugno prossimo anche a Brindisi i carabinieri celebreranno i 204 anni della fondazione con una cerimonia militare all’interno della sede del comando provinciale

BRINDISI - Alle 9:30 del 5 giugno prossimo, anche a Brindisi i carabinieri celebreranno i 204 anni della fondazione con una cerimonia militare all’interno della sede del comando provinciale di via Bastioni San Giorgio, nel corso della quale saranno premiati 48 militari in forza al Comando che si sono distinti per meriti speciali in operazioni di servizio di particolare pregio.

Il comando provinciale Carabinieri di Brindisi, in perfetta sinergia con le altre Forze dell’ordine, contribuisce alla tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico in questa provincia. L’impegno profuso, finalizzato a potenziare la qualità dell’attività operativa su più fronti, si è tradotto in attività di prevenzione e contrasto ai 12.361 delitti registrati, nel complesso, tra giugno 2017 e maggio 2018, che hanno subito una flessione dell’8 per cento rispetto all’anno precedente. I reati predatori, sono diminuiti, complessivamente, del 6 per cento con una flessione più marcata dei furti e delle rapine compiuti all’interno di abitazioni (rispettivamente, -15 per cento e - 23 pe cento), nonché dei furti con destrezza (-11 per cento). In questo periodo l’Arma ha perseguito 10.041 delitti, ovvero l’81 per cento dei reati commessi in tutta la provincia, arrestando 818 persone e denunciandone 2.813. Nella lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti sono state arrestate 163 persone e sequestrati, complessivamente, 320 kg, tra droghe pesanti e leggere, e 525 piante di cannabis coltivate illecitamente. Inoltre, sono stati sequestrati 220 armi, 2470 cartucce e 44 kg di materiale esplodente illecitamente detenuti.

carabinieri 613, 112, superstrada

Il dispositivo messo in campo si è concretizzato nell’esecuzione di pattuglie e perlustrazioni che, nonostante il più che raddoppiato impegno in servizi di ordine pubblico ( più 132 per cento), nelle 239.269 ore di servizio complessive, hanno effettuato 81.746 controlli sul territorio, identificando 112.052 persone a bordo di 76.024 veicoli, imprimendo un forte impulso all’attività di controllo del territorio, pari a un aumento del 32 per cento rispetto al passato. Particolare attenzione è stata posta, altresì, nei servizi di prossimità al cittadino incrementando del 33 per cento le pattuglie a piedi al fine aumentare la visibilità, la sicurezza percepita e consolidare il rapporto con la popolazione, oltre che realizzare una efficace azione preventiva e informativa.

Controlli dei carabinieri

Nell’attività operativa del Comando Provinciale la prevenzione nella lotta alla criminalità rappresenta, quindi, la strategia privilegiata per combattere il suo sistema di potere, incidere sulle sue complicità, estirpare le coperture che creano cultura, prassi e contesti mafiosi. La lotta alle consorterie criminali del territorio è resa ancora più ardua soprattutto dai continui rimescolamenti dei gruppi malavitosi sempre alla ricerca della supremazia territoriale. I fenomeni criminali emergenti sono oggetto di una attenta pianificazione preventiva e, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria, repressiva. In tale contesto, nell’ottica dell’oculato utilizzo delle risorse di polizia disponibili, sono prioritariamente affrontati i fenomeni criminali che ledono i diritti fondamentali dei cittadini e che impattano con maggiore forza sulla percezione della sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento