menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L’assessore trasloca al Paradiso: ufficio al centro di aggregazione giovanile

Iniziativa di Covolo: “Contatto diretto con ragazzi, associazioni e residenti per vincere sfiducia e cultura mafiosa”. Su Fb pubblica numero di telefono e mail per segnalazioni

BRINDISI – Detto (o meglio scritto) su Facebook e fatto. L’assessore ha traslocato al Paradiso. Da ieri Roberto Covolo, titolare della Programmazione economica e delle Politiche giovanili ha eletto “domicilio” nella sede del Centro di aggregazione giovanile. Resterà qui sino al 9 agosto: “Voglio incontrare di persona i giovani, le associazioni impegnate nel sociale e i residenti”, ha spiegato lui stesso sul suo profilo, fornendo numero di telefono e mail per i contatti.

centro giovanile riunione-2

Il trasloco e i contatti

Computer, cellulare e block-notes per gli appunti. Covolo si è messo al lavoro chiedendo ospitalità alle cooperative Amani e Solidarietà e Rinnovamento, titolari della gestione dell’immobile destinato al Cag (centro di aggregazione giovanile), dopo essere stato confiscato. E’ sulla strada per Contardo, nel rione Paradiso, zona che fa ancora fatica a superare l’emarginazione. Ecco perché Covolo ha scelto il quartiere come tappa di conoscenza face to face:  suggerimenti, proposte e critiche e richieste di appuntamento possono essere inoltrati via mail all’indirizzo roberto.covolo@comune.brindisi.it. Per chi preferisce il telefono, il numero è 345.7005858. Risponderà, l’assessore che ieri ha iniziato a lavorare incontrando quanti lavorano al Cag. L’ha scritto sulla pagina Fb che diventerà il diario per raccontare tutte le attività dell’assessorato.

Il primo giorno e le sfide future


Le sfide per il futuro del Cag saranno tre. “Potenziare il suo ruolo di Community Hub rivolto al quartiere e a tutta la città, sperimentare le forme del welfare generativo per garantire sostenibilità e implementazione dei servizi, favorire il passaggio da utenti a co-produttori dei numerosi cittadini che a vario titolo frequentano la struttura”, spiega il titolare delle deleghe. E’ in Giunta come assessore tecnico, scelto sin da subito dal sindaco Riccardo Rossi, dopo l’esperienza alla Regione Puglia con Bollenti Spiriti e a San Vito dei Normanni per la riqualificazione dell’ex Fadda.

centro giovanile riunione 1-2

Il vice sindaco

“Il pomeriggio è proseguito con l'incontro insieme all'assessore al Welfare Rita De Vito (vice sindaco) e al consigliere comunale Giulio Gazzaneo (eletto nella lista Ora tocca a noi) e con alcuni animatori sociali del quartiere: il parrocco don Cosimo Zecca, il rappresentante dell'Associazione Quartiere Paradiso Remo Palma, la referente Caritas per il quartiere, la referente dell'Azione Cattolica Antonella Mastro”.

L'incontro si è concentrato su alcuni specifici aspetti: “il progressivo svuotamento di servizi pubblici presenti nel quartiere, le numerose risorse latenti potenzialmente attivabili spazi dismessi, scuole negli orari pomeridiani, la necessità di sperimentare percorsi di coinvolgimento dei ragazzi del quartiere per l'avvio di progetti e micro imprese per attivare servizi per la comunità locale”, ha spiegato Covolo.

centro giovanile assessorato covolo-2

Il sopralluogo

In serata, la prima uscita per rendersi conto di persona delle condizioni del quartiere. Covolo ha “esplorato” l’area di via Carducci e del mercato nella zona della cosiddetta Corazzata, assieme a Daniele Guadalupi del Cag e a un ragazzo che risiede nel quartiere, per poi ascoltare i commercianti e la gente incontrata per strada: “Evidenti le condizioni di degrado”.
“La giornata volge al termine e sono molto stanco, ho numerose sollecitazioni, decine di informazioni e qualche intuizione da far decantare prima di costruirmi un'idea compiuta del quartiere e delle sue potenzialità”, ha scritto l’assessore. 
“Sicuramente la comunità del Paradiso ad oggi sconta una condizione di marginalità, isolamento, degrado degli spazi urbani, carenza di servizi pubblici e attrattori commerciali, culturali e sociali. La popolazione invecchia, i giovani scappano, i negozi chiudono. Esistono presidi importanti di socialità e aggregazione - come la parrocchia ed il Cag - che sembrano tuttavia faticare da soli e in assenza di sponde istituzionali costanti e di stimolo a tenere insieme il tessuto sociale del quartiere”.

centro giovanile esterno-2

I finanziamenti

Nel futuro prossimo sono previste trasformazioni del rione sotto l’aspetto urbanistico, sociale e culturale, per effetto di accordi che saranno sottoscritti con la Regione, in primis, poi con l’ex Istituto autonomo case popolari. A settembre con la Regione Puglia saranno definiti gli interventi di rigenerazione urbana dell'area per cinque milioni di euro, mentre nelle prossime settimane partiranno gli interventi di riqualificazione delle palazzine di edilizia popolare pubblica da parte dell'Agenzia Regionale per la Casa e l'Abitare Nord Salento, a fronte di un investimento di 12 milioni di euro.

“Dopo i lavori sulle palazzine nascerà un parco urbano di street art che - grazie all'intesa tra Arca Nord Salento, Regione Puglia e Comune di Brindisi, prevede la realizzazione di murales lungo le facciate di venti complessi abitativi tra via Egnazia, via Renato Serra e strada della Torretta: sarà uno dei parchi di arte urbana più grandi d'Italia”, anticipa l’assessore. 
“Il nostro compito, nei prossimi mesi e nei prossimi anni, sarà garantire ascolto costante, allenare la capacità di dare risposte quanto più possibile veloci alle esigenze della comunità locale, supportare i cittadini attivi coinvolgendoli nelle politiche, governare i grandi processi di trasformazione in modo da massimizzare gli impatti e garantire opportunità per gli abitanti”.

centro giovanile esterno-3

L'appello 

Appunti a margine, sempre firmati dall’assessore Covolo: “Se non presidiamo le periferie, se non le abitiamo con sincerità, dialogo, cultura e strumenti concreti, se non siamo interlocutori credibili dei cittadini con minori possibilità economiche, relazionali, sociali vincono la sfiducia, il clientelismo, la cultura mafiosa e le ricette populiste”. Oggi seconda giornata di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento