Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

La Regione chiude per 30 giorni la discarica di Autigno: falda contaminata

Trenta giorni di chiusura della discarica di servizio di Autigno, dove vengono scaricati i rifiuti urbani indifferenziati di tutta la Provincia di Brindisi. Lo ha deciso la Regione Puglia con apposita ordinanza, sulla base della violazione di alcune prescrizioni ambientali

BRINDISI - Trenta giorni di chiusura della discarica di servizio di Autigno, dove vengono scaricati i rifiuti urbani indifferenziati di tutta la Provincia di Brindisi. Lo ha deciso la Regione Puglia con apposita ordinanza, sulla base della violazione di alcune prescrizioni ambientali. Per l'emergenza appena scoppiata, il Comune di Brindisi ha incontrato poco fa il prefetto Nicola Prete, nel tentativo di sbloccare la situazione, mentre nel pomeriggio si terrà un incontro in Regione, presso il servizio competente, per decidere dove devono essere scaricati nel frattempo i rifiuti solidi urbani dei venti comuni della provincia. Da tenere presente che Autigno è stata utilizzata per affrontare anche le emergenze del Sud Barese, mentre è adesso la discarica privata di Formica Ambiente a ricevere i rifiuti di vari centri del Nord Barese, sempre su decisione della Regione Puglia.

Il principale rilievo a base dell'ordinanza di chiusura per trenta giorni della discarica di servizio di Autigno, affidata in gestione alla Nubile Srl, sarebbe il superamento dei limiti di contaminazione delle falde della zona, rilevato dai pozzi di ispezione. Un problema recentemente sollevato, per l'ennesima volta, dal vicino Comune di San Vito dei Normanni oltre che da movimenti ambientalisti. I trenta giorni di tempo serviranno ad assumere ulteriori determinazioni circa il futuro della discarica stessa e della sua gestione. Il problema non è quindi sbloccabile con la riunione in Prefettura, come si augurava il sindaco Mimmo Consales contattato da BrindisiReport.it, nè con una ordinanza sindacale.

Sembra che l'ordinanza sia sta emessa anche in seguito ad accertamenti che il Noe di Lecce dei carabinieri sta conducendo sulle discariche della zona, attività che ha condotto il Nucleo di tutela ambientale anche ad acquisire atti presso gli uffici del servizio ambiente della Regione Puglia qualche giorno fa. Il Noe anche stamani si trova sul posto, ad Autigno, per attività investigative. L'ordinanza, ovviamente, è un atto amministrativo ed è stata notificata attraverso il canale istituzionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione chiude per 30 giorni la discarica di Autigno: falda contaminata

BrindisiReport è in caricamento