La base dello spaccio di coca in casa di un amico, ma è stato scoperto e arrestato

BRINDISI - Sapeva di non essere al di sopra di ogni sospetto, e aveva pensato di spostare il suo punto di spaccio di cocaina a casa di un amico, appena un monolocale al quartiere Commenda. Ma all'appartamento ieri sera ci sono arrivati anche i poliziotti della sezione antidroga della squadra mobile, e il brindisino Enzo Di Lauro, 48 anni, è stato arrestato in flagranza di reato. Sequestrati anche 110 grammi di cocaina già divisa in pallonci da 1 a 3 grammi, mannite e integratori utilizzati come sostanza da taglio, telefonini cellulari e altro materiale utile al prosieguo delle indagini.

Enzo Di Lauro

BRINDISI - Sapeva di non essere al di sopra di ogni sospetto, e aveva pensato di spostare il suo punto di spaccio di cocaina a casa di un amico, appena un monolocale al quartiere Commenda. Ma all'appartamento ieri sera ci sono arrivati anche i poliziotti della sezione antidroga della squadra mobile, e il brindisino Enzo Di Lauro, 48 anni, è stato arrestato in flagranza di reato. Sequestrati anche 110 grammi di cocaina già divisa in pallonci da 1 a 3 grammi, mannite e integratori utilizzati come sostanza da taglio, telefonini cellulari e altro materiale utile al prosieguo delle indagini.

La casa dove Di Lauro dava appuntamento ai clienti si trova nella zona di via Grandi, una traversa di viale Aldo Moro. Un grande condominio dove mimetizzarsi. Di Lauro tuttavia era stato agganciato da tempo dagli investigatori, che aspettavano solo il momento giusto per l'intervento. Quando la sezione antidroga ha fatto irruzione nel monolocale, il proprietario non c'era. Ma c'erano invece Enzo Di Lauro e la droga.

Il personaggio non metteva piede in questura dal 1999, stando al suo fascicolo personale. Il ritorno dopo 11 anni è stato tuttavia per un reato per cui Enzo Di Lauro aveva alcuni lontani precedenti. Il servizio viene considerato un ulteriore passo all'interno della rete dello spaccio di droga a Brindisi, dove prevalgono ormai da tempo le individualità piuttosto che le organizzazioni, e ciò rende più complesso il lavoro delle forze di polizia.

Enzo Di Lauro appartiene ad una famiglia già colpita da pesanti misure antimafia, che sono sfociate nel sequestro di locali, appartamenti e di una pasticceria "Peccati di Gola", e non risulta che abbia occupazioni legali. Del resto lo spaccio di cocaina rende molto bene: un grammo già tagliato e pronto alla vendita vale - a seconda della qualità e dei periodi - tra i 60 ed i 100 euro. Facendo una media, da quella sequestrata nell'appartento nella tarda serata di ieri lo spacciatore avrebbe ricavato non meno di 8mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

  • Coronavirus, alto il numero dei decessi in Puglia: sono 52

Torna su
BrindisiReport è in caricamento