Cronaca

La fregata Anzac nel porto di Brindisi per ricordare il massacro di Gallipoli

La Marina militare australiana commemora anche a Brindisi i suoi uomini caduti nella battaglia che insanguinò la penisola turca di Gallipoli, di cui in questi giorni ricorre il centesimo anniversario. La fregata Anzac, scortata dai rimorchiatori Barretta, stamattina ha fatto il suo ingresso nel porto. Adesso si trova ormeggiata presso la banchina del Seno di Ponente

BRINDISI – La Marina militare australiana commemora anche a Brindisi i suoi uomini caduti nella battaglia che nel corso della Prima guerra mondiale insanguinò la penisola turca di Gallipoli, di cui in questi giorni ricorre il centesimo anniversario. La fregata Anzac, scortata dai rimorchiatori Barretta, stamattina ha fatto il suo ingresso nel porto. Adesso si trova ormeggiata presso la banchina del Seno di Ponente, in zona militare.

Anzac era l’acronimo di Australian and New Zealand Army corps, corpo di spedizione nel Mediterraneo che il 25 aprile del 1915 prese parte al così detto “Sbarco dell’Anzac cove”, uno dei fronti più caldi di Gallipoli. L’obiettivo degli alleati era di occupare lo stretto dei Dardanelli, per poi conquistare Costantinopoli e costringere l’impero Ottomano alla resa. Ma l’operazione, pianificata dalla Francia e dall’Inghilterra, si rivelò una disfatta.

La Marina australiana, al suo battesimo del fuoco nella Grande Guerra, pagò un altissimo tributo di sangue. Solo nell’Anzac cove morirono quasi 5mila uomini della Prima divisione. Complessivamente, nel massacro della penisola di Gallipoli persero la vita oltre 15mila australiani. Il numero totale delle perdite su entrambi gli schieramenti, fra morti e dispersi, fu di oltre 252mila unità.

Le responsabilità della sconfitta ricaddero anche sulle spalle di Winston Churchill, allora 40enne, che perse il posto di primo lord dell’Ammiragliato (ma lo stesso, un trentennio dopo, si riscattò alla grande, guidando l’Inghilterra al trionfo sulle forze nazi-fasciste in occasione della Seconda guerra mondiale).

Da allora, Australia e Nuova Zelanda, ogni 25 aprile, celebrano l’Anzac day, in memoria di tutti i soldati morti in tutte le guerre. Nelle prossime ore, un picchetto della Fregata Anzac raggiungerà il cimitero monumentale di Bari, dove riposano alcuni dei caduti nella battaglia dei Dardanelli. Nella giornata di domani (8 maggio) verrà deposta una corona floreale ai piedi del Monumento al Marinaio, eretto proprio per ricordare i circa 6mila marinai italiani morti durante la Grande guerra. Nel fine settimana, l’unità navale mollerà gli ormeggi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fregata Anzac nel porto di Brindisi per ricordare il massacro di Gallipoli

BrindisiReport è in caricamento