Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

La Liberazione e la castità ideologica dei ragazzi del 45 da non smarrire

"Catarella- così esclamò il commissario Montalbano- mi togli una curiosità? Senza persarci troppo l'agente Agatino Catarella, centralinista al Commissariato di Vigatà, acconsentì alla domanda del suo capo. " Ma tu, dico tu, per caso conosci il latino? Certo che lo conoscio signor commissario", replicò Catarella.

“Catarella- così esclamò il commissario Montalbano- mi togli una curiosità? Senza persarci troppo l’agente Agatino Catarella, centralinista al Commissariato di Vigatà, acconsentì alla domanda del suo capo. “ Ma tu, dico tu, per caso conosci il latino? Certo che lo conoscio signor commissario”, replicò Catarella. Allora Montalbano apparve per un po’ sollevato e disse: “ ma allora, l’hai studiato il latino”? “ Commissario, studiato studiato non proprio ma ci pozzu diri ca lo conoscio bono”. Pronta fu la reazione di Montalbano: “ mmmm, ma allora come fai a dire che lo conosci il latino”? E fu allorà che Catarella svelò l’arcano: “ me lo presentò un vicino di casa, amico stretto del ragioniere Vincenzo Galastra, detto pure u latino”. Con un alacre ”vaffanculo Catarì”, Montalbano si voltò di spalle e tornò nel suo ufficio.

E adesso possiamo venire ai giorni nostri: scusatemi se ho scomodato Camilleri ma si tratta di un gratuito noleggio di una sequenza cinematografica così vitale per raccontare quanto segue. Perchè il mondo è pieno di cose apparentemente ovvie che non ci degnamo minimamente di osservare, pur credendo di conoscerle: in questo siamo bravissimi noi italiani, come avrebbe poi detto Longanesi, “totalitari in cucina, democratici in Parlamento, cattolici a letto e comunisti in fabbrica”. Quanto realmente conosciamo della Liberazione d’Italia dal nazi-fascismo?

Apparte quell’alluvione interdetta legalmente- cui il sottoscritto ha partecipato- fatta di condivisione sui social, nelle università, tra i canali digitali della televisione, cosa resta realmente del giorno della Liberazione, tra un ping pong istituzionale e l’altro? “ Qui vivono per sempre gli occhi che furono chiusi alla luce perché tutti li avessero aperti per sempre alla luce”: chissà cosa avrebbe pensato Ungaretti, autore di questi versi, di quella cecità dilagante che a mano a mano avrebbe iniziato a colpire l’Italia dopo il 1945. Perché, diciamocela tutta, i conti con il passato non li abbiamo ancora fatti noi italiani.

Harry Shindler ha 93 anni e a vent’anni era in Italia con l’esercito britannico a combattere il nazifascismo: “è l’inizio della fine-ha dichiarato laconicamente ai microfoni de La Repubblica. Quando non ci saremo più noi della nostra età, noi che il 25 aprile c’eravamo davvero e avevamo combattuto sul campo di battaglia per costruirla quella libertà, ecco, quando ce ne saremo andati la verità potrà essere cancellata, distorta”.

 Ieri Shindler non era, come è stato solito fare negli ultimi anni da quando vive in Italia, alle celebrazioni di Porta San Paolo e del Campidoglio a Roma: “ non capisco le polemiche attorno alla Brigata Ebraica e lo sfoggio di così tante bandiere filo palestinesi, pertinenti in altri contesti e manifestazioni”- così ha sostenuto Shindler. “ Sabato si festeggia l’unità del popolo, non ha senso trasformare il 25 aprile in una occasione di divisione o di scontro: insomma, intendo dire che la festa della Liberazione è aperta a tutti ma le bandiere che sventolano devono essere quelle di chi combatteva in quel 1945”. Riusciremo a ritrovare negli occhi la luce di quei ragazzi del quarantacinque, la loro castità ideologica? Resta la più grande sfida di questi settant’anni appena passati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Liberazione e la castità ideologica dei ragazzi del 45 da non smarrire

BrindisiReport è in caricamento