menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le auto recuperate

Le auto recuperate

La polizia recupera nelle campagne tre auto appena rubate

BRINDISI – Tra problemi di organico, di mezzi e di risorse finanziarie, la Polizia di Stato a Brindisi continua a lavorare a pieno ritmo. Questa mattina all’alba due pattuglie della sezione volanti hanno scoperto in contrada Mattarelle, tra la zona industriale e Cerano, un nascondiglio di auto rubate, portando così a 97 veicoli e 12 moto di grossa cilindrata i mezzi recuperati negli ultimi sei mesi.

BRINDISI - Tra problemi di organico, di mezzi e di risorse finanziarie, la Polizia di Stato a Brindisi continua a lavorare a pieno ritmo. Questa mattina all'alba due pattuglie della sezione volanti hanno scoperto in contrada Mattarelle, tra la zona industriale e Cerano, un nascondiglio di auto rubate, portando così a 97 veicoli e 12 moto di grossa cilindrata i mezzi recuperati negli ultimi sei mesi.

Le pattuglie che hanno effettuato il servizio sono quelle incaricate del contrasto alle rapine ed ai furti nella fascia esterna al centro urbano, affidato ad un'altra rete di unità delle forze dell'ordine, secondo i piani stabiliti dal questore Vincenzo Carella, assieme al prefetto Domenico Cuttaia e ai comandanti dei carabinieri e della Guardia di Finanza.

Il lavoro non è solo basato sul pattugliamento, ma anche sull'osservazione e la ricerca di nascondigli di armi ed automezzi, In questo modo in un casolare abbandonato dell'ex Ente riforma fondiaria, gli agenti hanno rinvenuto una Fiat Grande Punto, una Lancia Y e un'Alfa Mito tutte di recentissima fabbricazione.

La Punto era stata rubata addirittura alcune ore prima in via Fulvia, alla Commenda, mentre il proprietario della Mito ancora non sapeva che i ladri si erano portati via la sua autovettura, ma lo ha appreso direttamente dalla polizia dopo gli accertamenti attraverso il numero di telaio e la targa.

Ma non è tutto. Sempre la sezione volanti ha identificato e denunciato alla procura per furto aggravato una coppia di etnia rom (lui serbo, lei croata) e un brindisino per tre episodi avvenuti negli ultimi due mesi. Il brindisino aveva fatto razzia in un'abitazione sulla costa, a Materdomini, impadronendosi di alcuni fucili; la coppia rom aveva svaligiato invece un appartamento in via del Lavoro e un'altra casa in via Buozzi, non molto distante, al quartiere Commenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento