menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Protezione civile di San Pietro spegne le prime venti candeline

Hanno spento le candeline nell’aula consiliare del Municipio di San Pietro Vernotico i 45 volontari dell’associazione Protezione civile di San Pietro Vernotico che oggi, domenica 10 aprile, hanno preso parte alla cerimonia per il 20esimo compleanno dell’associazione

SAN PIETRO VERNOTICO – Hanno spento le candeline nell’aula consiliare del Municipio di San Pietro Vernotico i 45 volontari dell’associazione Protezione civile di San Pietro Vernotico che oggi, domenica 10 aprile, hanno preso parte alla cerimonia per il 20esimo compleanno dell’associazione. E nemmeno in questa occasione, solo di festa, hanno rinunciato alle divise gialle, le stesse che indossano quando si mettono al servizio della comunità. Quando vanno a spegnere gli incendi, a fare servizio d’ordine alle manifestazioni pubbliche, a liberare case e strade dagli allagamenti, a presidiare gli incidenti stradali.

C’è stata una Santa Messa presso la Chiesa Santissimi angeli custodi celebrata da don Vincenzo Martella e poi una conferenza nel IMG-20160410-WA0065-2palazzo comunale dove hanno preso parte il sindaco di San Pietro Maurizio Renna, l’assessore alle attività produttive Tonio Di Taranto, l’assessore ai lavori pubblici Angelo Esposito, il responsabile dell’ufficio tecnico del Comune l’architetto Cosimo delle Donne, il responsabile del Cor (Centro operativo regionale) geometra Raffaele Celeste, il referente della regione Puglia per le radiocomunicazioni Lello Cafaro, il presidente del coordinamento provinciale Giannicola D’Amico e altre associazioni del Brindisino. Non poteva mancare il primo presidente anche fondatore Giancarlo Greco, affiancato dall’attuale presidente Enzo Giuri.

È stata l’occasione per ricordare l'importanza e l'utilità della Protezione civile, quella di San Pietro è una delle realtà più longeve del territorio. Il gruppo che assomiglia sempre più a una grande famiglia, tanto è l’affiatamento tra i soci, è composto da persone di tutte le età, giovani appena maggiorenni e uomini vicini alla pensione, mamme e figli, coppie di coniugi, tutti uniti dalla passione per il volontariato. Un gruppo unito, preparato ad affrontare le diverse calamità e in continua formazione. Uno degli ultimi progetti presentati è “Angeli Azzurri”, un servizio gratuito di navetta per coloro che non hanno la possibilità di spostarsi con l’auto per raggiungere ambulatori medici, ospedali, ma anche per fare la spesa o una passeggiata la mare. A dicembre scorso si  svolta la cerimonia di donazione alla comunità di un pulmino a 8 posti da destinare ai bisogni di chi è meno fortunato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento