Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Anche la centrale di Cerano nella puntata di "Report" di domenica prossima

Si parlerà anche della termoelettrica a carbone di Brindisi-Cerano, la più grande d’Italia, nella puntata di Report, il programma di Milena Gabanelli, che andrà in onda domenica 31 maggio alle 21.45 su Rai 3. L’inchiesta è di Roberto Pozzan e Giorgio Mottola, e affronterà il tema delle energie rinnovabili

Si parlerà anche della termoelettrica a carbone di Brindisi-Cerano, la più grande d’Italia, nella puntata di Report, il programma di Milena Gabanelli, che andrà in onda domenica 31 maggio alle 21.45 su Rai 3. L’inchiesta è di Roberto Pozzan e Giorgio Mottola, e affronterà il tema delle energie rinnovabili. “Mentre i Paesi del Golfo Persico, ricchi di petrolio, investono in fotovoltaico, in Italia, dove importiamo dall’estero, si fa di tutto per complicare le cose a quanti vorrebbero produrre energia pulita, mentre imperversano le truffe sui carbon credit”, anticipa una nota di presentazione della puntata.

“I Paesi arabi sembrano aver preso la questione del riscaldamento globale più seriamente di noi. Di recente nel Golfo è stata avviata una seria politica di finanziamento delle energie rinnovabili. Ad Abu Dhabi  è stata progettata e in parte già costruita un’intera città a impatto zero. Quando il petrolio sarà finito, potremmo ritrovarci ad acquistare da loro anche l’energia solare. In Italia, infatti, dopo il boom degli scorsi anni, la spinta alla costruzioni di nuovi parchi eolici e impianti fotovoltaici si è  esaurita, Enel tiene ancora in piedi centrali termoelettriche e, anche nell’ultimo piano industriale, ha confermato la scelta del carbone”.

“A distanza di 18 anni dal protocollo di Kyoto, la maggior parte delle misure introdotte per bloccare il riscaldamento globale si sono rivelate inefficaci. Il sistema dei carbon credit, i certificati che è necessario acquistare per inquinare, non solo non ha bloccato le emissioni di CO2,  ma ha dato vita la possibilità, nel nostro paese, a organizzazioni che in alcuni casi sono risultate addirittura vicine al terrorismo internazionale, di intascare miliardi di euro”.

“Ma se l’economia verde è oggi in forte calo, la colpa è anche della legislazione nazionale. Le leggi italiane, infatti, continuano a bloccare quella che dal punto di vista energetico potrebbe essere una vera e propria rivoluzione: la generazione energetica diffusa, che metterebbe in crisi lo status quo delle grandi centrali elettriche”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche la centrale di Cerano nella puntata di "Report" di domenica prossima

BrindisiReport è in caricamento