rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

Ladri alla centrale Enel: rubano caterpillar e abbattono un muro in cemento

Furto di un caterpillar dal cantiere dove sono in corso i lavori di costruzione del carbonile coperto della centrale termoelettrica Federico II di Cerano. I malfattori durante la fuga hanno sfondato, con lo stesso mezzo rubato, la recinzione formata da pannelli prefabbricati in cemento che circoscrive l'area interessata dalle opere di realizzazione delle due cupole di legno lamellare con tutte le strutture accessorie

BRINDISI – Furto di un caterpillar dal cantiere dove sono in corso i lavori di costruzione del carbonile coperto della centrale termoelettrica Federico II di Cerano. I malfattori durate la fuga hanno sfondato, con lo stesso mezzo rubato, la recinzione formata da pannelli prefabbricati in cemento che circoscrive l’area interessata dalle opere di realizzazione delle due cupole di legno lamellare con tutte le strutture accessorie. Indagini sono in corso dei carabinieri, giunti sul posto dalla stazione di Tuturano, per i rilievi del caso. I militari hanno eseguito il sopralluogo di rito teso a individuare eventuali elementi utili ai fini investigativi.

Il cantiere è dotato di impianto di videosorveglianza e la scena del furto è stata ripresa dalle telecamere, i fotogrammi sono già in mano agli investigatori. Il furto è stato messo a segno poco prima delle 21. Non in piena notte quando la zona è completamente deserta. Chi ha agito con tutta probabilità conosceva bene la zona interessata dai lavori che si trova nell’area perimetrale della centrale ma confina con l’esterno.  

La copertura del parco carbone della centrale Enel Federico II è iniziata nel 2012 e si concluderà, secondo tabella di marcia, nel 2015. Si tratta carbonile 2-2dell’opera di ambientalizzazione più importante e imponente che Enel sta realizzando in Italia, la prima in Europa eseguita con metodologie d’avanguardia, il legno lamellare è uno dei materiali più innovativi per la realizzazione di grandi progetti edili ed è un materiale naturale. L’opera è costata all’incirca 150 milioni di euro e dei lavori se ne sta occupando la ditta altoatesina Rubner Holzbau. 

La prima cupola (dome) è già stata realizzata. I progetti sono stati affidati ad un'Ati (Associazione temporanea di imprese). Il furto del caterpillar (di colore giallo) potrebbe essere finalizzato all’appropriazione del mezzo o alla messa in atto di altre azioni criminose ma anche al cavallo di ritorno. Di certo, però, non è sicuramente un messaggio indirizzato a Enel. Ma questi sono aspetti che dovranno valutare gli investigatori. 

Non si tratta certamente del primo furto alla Federico II, nel 2013 (ad aprile e settembre) sono stati perpetrati due grossi furti di rame. Ad aprile fu rubata, da due operai che lavoravano in un cantiere all'interno della centrale Enel, oltre una tonnellata di cavi di rame. La notte del 3 settembre (2013), invece, attraverso un foro nella rete di recinzione furono asportati 2500 chilogrammi di rame anche in quel caso la refurtiva si trovava all'interno di un cantiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri alla centrale Enel: rubano caterpillar e abbattono un muro in cemento

BrindisiReport è in caricamento