Ladri sacrileghi in azione: furto di grondaie e portafiori di rame nel cimitero

Raid notturno nel camposanto di Cellino San Marco. Le razzie sono state scoperte in mattinata. Sul posto i carabinieri della locale stazione

CELLINO SAN MARCO – Fiori riversi per terra, ai piedi dei loculi. E’ in questo scenario che stamani si sono imbattute le persone che sono andate a trovare i cari estinti, presso il cimitero di Cellino San Marco. Erano evidenti i segni lasciati dai balordi che la scorsa notte (fra venerdì 15 e sabato 16 settembre) si sono introdotti all’interno del camposanto e senza alcun rispetto per il luogo sacro hanno fatto razzie di portafiori e grondaie.  Quello che interessava ai ladri era il rame: metallo richiestissimo sul mercato nero.

ae021ab3-c783-4a5c-92ee-203ace039609-2

Il saccheggio è stato scoperto stamani dal personale del cimitero. Sul posto, per i rilievi del caso, si sono recati i carabinieri della compagnia di Brindisi. 

Purtroppo non è la prima volta che si assiste a scorribande di ladri sacrileghi. Basti pensare al cimitero del capoluogo, che in passato, più volte, ha subito furti di portafiori, cavi elettrici grondaie e qualsiasi altro oggetto dal quale si potesse estrarre l’oro rosso. La speranza è che il furto perpetrato a Cellino San Marco resti un caso isolato e che non si ripetano mai più episodi analoghi, nel luogo dell’eterno riposo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz dei carabinieri contro la Scu: 37 arresti per droga, armi ed estorsioni

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Operazione Synedrium: i pizzini, le armi e il ruolo delle donne

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento