rotate-mobile
Cronaca San Pietro Vernotico

Ladri scatenati, arresti

SAN PIETRO VERNOTICO – Due presunti ladri arrestati e un terzo ricercato per due furti compiuti in due circostanze distinte per i carabinieri della stazione di San Pietro.

SAN PIETRO VERNOTICO - Due presunti ladri arrestati e un terzo ricercato per due furti compiuti in due circostanze distinte per i carabinieri della stazione di San Pietro. Il primo, Pietro Pennetta, 21 anni, è stato acciuffato nel pomeriggio di ieri dopo un furto in un appartamento, il secondo, Gabriele Cota, 39 anni, è stato sorpreso a rubare un'auto da una pubblica via alle due della notte scorsa. In entrambi i casi l'arresto è stato possibile grazie alla pronta reazione delle vittime, che non hanno esitato a richiedere l'intervento del 112 non appena scoperto il furto.

Pietro Pennetta, da quanto è stato accertato dai carabinieri della stazione di San Pietro, al comando del maresciallo Giuseppe Pisani, alle 15 di ieri, insieme a un altro complice non ancora rintracciato, si è introdotto in un appartamento al civico 13 di via Risorgimento, una traversa di via Cellino, di proprietà di una coppia di anziani, 80enni, e si è impossessato di un salvadanaio al cui interno c'erano circa duecento euro.

Le vittime del furto non hanno esitato a richiedere l'intervento dei carabinieri non appena scoperta l'incursione dei ladri. Provvidenziali sono state alcune telecamere presenti nella via. I due ladruncoli, che si sono mossi con il volto scoperto, sono stati filmati da tutte le videocamere incrociate durante l'arrivo e la fuga. In un fotogramma il volto di Pietro Pennetta sembrava inconfondibile. Il giovane è stato raggiunto dai carabinieri qualche ora dopo e arrestato. Su disposizione del pm di turno Raffaele Casto è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi. La refurtiva non è stata recuperata, il 21enne avrebbe dichiarato di averla ceduta. Si cerca ora il suo complice.

Gabriele Cota, invece, è stato sorpreso alle due della notte scorsa all'interno di una Seat Arosa parcheggiata davanti al civico 7 di via Vanini. Ad accorgersi del furto la stessa proprietaria che quando ha visto un uomo armeggiare nella sua vettura non ha esitato a chiamare il 112. Sul posto si è recata una pattuglia del Norm di Brindisi e della locale stazione, in servizio di pattugliamento per le vie del paese, che hanno sorpreso il 39enne in flagranza di reato. Anche per lui sono scattate le manette, per furto aggravato. Dopo le formalità di rito, Gabriele Cota è stato trasferito presso l'istituto di prevenzione e pena di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri scatenati, arresti

BrindisiReport è in caricamento