menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lamiera si stacca dal tetto del solito Palasport: pericolo scampato

Intervento dei vigili del fuoco a Torre Santa Susanna dove, per l’ennesima volta, il palazzetto dello Sport, costruito e mai entrato in funzione e oggi in stato di abbandono

TORRE SANTA SUSANNA – Intervento dei vigili del fuoco a Torre Santa Susanna dove, per l’ennesima volta, il palazzetto dello Sport, costruito e mai entrato in funzione e oggi in stato di abbandono, non ha resistito alle raffiche di vento delle ultime ore e una lamiera della copertura del tetto si è staccata rischiando di finire al suolo.

Il palasport di Torre S.Susanna

Sul posto si sono recati anche gli agenti della Polizia locale e personale dell’Ufficio tecnico del Comune di Torre. In un’ala dell’edificio è stata allestita una postazione del 118 e c’è stato il rischio concreto che la lamiera pericolante andasse a finire sulle ambulanze. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza il tetto, evitando conseguenze peggiori.

Non è la prima volta che il maltempo danneggia quello che doveva diventare il Palasport di Torre Santa Susanna ma che sin da subito dopo la sua costruzione ha rappresentato un pericolo per la cittadinanza e un problema per le amministrazioni.

Costruttore del Palasport condannato

I lavori di costruzione, iniziati nel 2004 si conclusero tra il 2008 e il 2009, ma nel luglio del 2010 il nuovo Palasport fu parzialmente scoperchiato da una tromba d’aria. Successivamente si accertò che la ditta che aveva eseguito i lavori di costruzione aveva utilizzato materiale diverso da quello prescritto dall’appalto. Nel 2015 il costruttore fu condannato perché giudicato colpevole di frode pubblica in fornitura. Dal 2010 ad oggi il maltempo ha danneggiato in diverse occasioni il tetto dell’edificio, nel pomeriggio di oggi l’ultimo episodio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento