Cronaca

Lanciarono la coca dal finestrino dell'auto: due cellinesi dal carcere ai domiciliari

Lasciano il carcere e tornano a casa in regime di domiciliari i due cellinesi che domenica scorsa (28 febbraio) lanciarono dal finestrino dell'auto un involucro di cocaina, dopo aver incrociato una pattuglia dei carabinieri per le vie di Cellino San Marco

CELLINO SAN MARCO – Lasciano il carcere e tornano a casa in regime di domiciliari i due cellinesi che domenica scorsa (28 febbraio) lanciarono dal finestrino dell’auto un involucro di cocaina, dopo aver incrociato una pattuglia dei carabinieri per le vie di Cellino San Marco.

Marco Leo, 38 anni, e Gianmarco Caldiron, 35 anni, entrambi difesi dall’avvocato Rocco Vincenti, hanno ammesso le loro colpe nell’ambito dell’interrogatorio di convalida dell’arresto svoltosi martedì (1 marzo), davanti al gip Stefania De Angelis. Leo e Caldiron tentarono di disfarsi di 21 dosi di cocaina per un peso di 11 grammi contenute in un unico involucro.

Addosso a Caldiron, inoltre, vennero trovati 615 euro ritenuto provento dell’attività di spaccio. Lo stesso inveì contro i carabinieri, proferendo nei loro confronti frasi minacciose. Il pm Milto Stefano De Nozza aveva chiesto la convalida della misura detentiva in carcere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lanciarono la coca dal finestrino dell'auto: due cellinesi dal carcere ai domiciliari

BrindisiReport è in caricamento