Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

L'Anonima Fotovoltaico: sequestri e arresti

BRINDISI – Dieci persone colpite da ordinanze di custodia cautelare, delle quali due sole agli arresti domiciliari (c’è un ricercato); 24 indagati in tutto tra i quali quattro donne e cinque cittadini spagnoli. Ipotesi di reato principali, associazione per delinquere: 27 i parchi fotovoltaici sequestrati

BRINDISI – Dieci persone colpite da ordinanze di custodia cautelare, delle quali due sole agli arresti domiciliari (c’è un ricercato); 24 indagati in tutto tra i quali quattro donne e cinque cittadini spagnoli. Ipotesi di reato principali, associazione per delinquere, per aver realizzato nel territorio della provincia di Brindisi 27 parchi fotovoltaici per una potenza complessiva di 37 megawatt installati, e per una estensione di aree occupate pari a 120 ettari (per un valore di 150 milioni di euro).

Tutto ciò, ricorrendo all’ormai noto frazionamento artificioso degli impianti, per eludere la normativa regionale allora vigente che consentiva la costruzione di insediamenti fotovoltaici con la sola Dichiarazione di inizio attività se non fossero superiori ad un megawatt di potenza installata.

Tutti gli impianti sono stati sottoposti a sequestro preventivo, e sono stati sottoposti a sequestro per equivalente anche i patrimoni delle persone indagate e delle società coinvolte sino alla copertura dei contributi pubblici indebitamente percepiti, pari a 7 milioni di euro. Inoltre, gli inquirenti stanno informando il Gestore dei Servizi energetici (Gse) per bloccare altri 303 milioni di contribuiti pubblici che altrimenti sarebbero stati erogati alle 8 società a responsabilità limitata coinvolte.

Le indagini sono state dirette dalla Procura della Repubblica di Brindisi ed hanno impegnato il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, i carabinieri del Noe e il Corpo Forestale dello Stato per lunghi mesi. La Finanza ha proceduto oggi al sequestro di tre impianti per un valore di 16 milioni di euro e all’esecuzione dei provvedimenti restrittivi, nonché ai sequestri patrimoniali per equivalente. Il Noe ha effettuato il sequestro di 21 impianti fotovoltaici, mentre la Forestale ha eseguito il sequestro di altri 3 impianti.

L'indagine chiama in causa il network formato dal colosso cinese Suntech e dal fondo di investimento Global Solar Fund di J. R. Non il gruppo cinese, ma le società di R. sono al centro dell'indagine, come pure il sistema di veicolazione in un paradiso fiscale del denaro incamerato con gli incentivi pubblici percepiti in Italia: i passaggi sarebbero avvenuti attraverso società e istituti in Lussemburgo e Isole Vergini. per la prima volta in una indagine sul fotovoltaico-truffa, vengono contestate l'associazione per delinquere e l'indebita percezione di contributi pubblici.

Nel settembre 2102, nel pieno della tempesta delle prime indagini, Suntech fece sapere che "Gsf(Global Solar Fund), ancorché sottoscritto per circa l’80% da Suntech e per circa il 10% dal dr. Zhengrong Shi, è stato gestito  fino al 14 agosto 2012 in piena autonomia da Gsf Partners, società posseduta al 100% da J. R. Il 14 agosto 2012, a seguito dell’annuncio  di  una sospetta  frode nei confronti di Suntech, un tribunale ha accolto la richiesta di Suntech di congelare gli asset di Gsf Capital e di J. R. in tutto il mondo e di avere un manager indipendente nominato dallo stesso tribunale  per sovrintendere i loro asset".

"Detto manager - si legge in una nota dell'epoca di Suntech - ha poi esercitato il diritto concessogli dal tribunale  di sostituire il sig. R. come manager e general partner del Global Solar Fund Sca, Sicar, in tal modo  assicurandosi l’assunzione del controllo del Fondo". Suntech "non è colpevole ma  vittima di una sospetta frode perpetrata nei propri confronti da soggetti terzi e non esiste alcuna evidenza che membri del management o dipendenti di Suntech siano coinvolti". Ora vediamo cosa ha scoperto invece la procura di Brindisi. Ultima nota: tra le società finite nell'indagine c'è anche l'Italgest.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Anonima Fotovoltaico: sequestri e arresti

BrindisiReport è in caricamento