Cronaca

Lavoratori Nubile ancora senza stipendio: nuovo incontro in prefettura

"Vogliamo una soluzione definitiva". Questa frase, impressa su uno striscione esposto davanti alla prefettura, esprime il turbamento dei lavoratori della ditta Nubile. Una delegazione di dipendenti guidata dal segretario provinciale del sindacato Cobas, Roberto Aprile, ha incontrato stamani il capo di ufficio di gabinetto del prefetto, Erminia Cicoria

BRINDISI – “Vogliamo una soluzione definitiva”. Questa frase, impressa su uno striscione esposto davanti alla prefettura, esprime il turbamento dei lavoratori della ditta Nubile. Una delegazione di dipendenti guidata dal segretario provinciale del sindacato Cobas, Roberto Aprile, ha incontrato stamani il capo di ufficio di gabinetto del prefetto, Erminia Cicoria. Nulla è cambiato rispetto all’incontro dello scorso 13 gennaio: gli stipendi del mese di dicembre ancora non sono arrivati.

Questo ritardo sta minando la serenità degli addetti al servizio di conferimento dei rifiuti, di cui la Nubile è appunto appaltatrice per conto dei Comuni dell’Oga. Anche stamani, all’esterno dell’impianto di cdr sulla strada per Pandi si è formato un ingorgo di camion dell’azienda Ecologica Pugliese carichi di rifiuti. Una situazione analoga si sta verificando anche sulla strada d’accesso alla discarica di Autigno, gestita sempre da Nubile, dove il servizio procede a rilento. Ma questo, rimarcano i lavoratori, non è dovuto a un atto volontario degli operatori.

“Il rallentamento del servizio di conferimento – afferma Roberto Aprile – è riconducibile a dei problemi tecnici dell’impianto, che ci auguriamo possano essere risolti il prima possibile. Non si tratta di un’azione volontaria dei dipendenti”. Durante il faccia a faccia con Erminia Cicoria, Aprile ha parlato del pericolo di “un collasso naturale del sistema”. La stessa Cicoria si è presa l’impegno di informarsi in giornata sul nodo pagamenti, per poi fare il punto della situazione nel corso di un nuovo confronto col sindacato Cobas previsto per domani mattina (20 gennaio) sempre in prefettura.

Perché la questione pagamenti, a quanto pare, è ancora in una fase di impasse. Nubile rivendica un credito di circa 3 milioni di euro con i 19 comuni dell’Oga. La maggior parte di questi deve ancora versare il canone di novembre. Ma c’è anche chi ha accumulato un arretrato che risale ai mesi estivi. Al termine dell’assemblea dell’organo di gestione d’ambito tenutasi lo scorso 14 gennaio, alle amministrazioni comunali è stata impartita la direttiva di pagare.

Questo in attesa che i dati sull’efficienza dell’impianto di biostabilizzazione cdr/css contenuti nella relazione consegnata dal consulente tecnico incaricato, il docente del Politecnico di Bari Michele Notarnicola, mettano ordine al contenzioso fra Nubile e Oga sulle tariffe.

L’assessore all’Ambiente del Comune di Brindisi, Antonio Monetti, afferma intanto a BrindisiReport che la scorsa settimana è stato dato mandato agli uffici comunali competenti di procedere con il versamento della quota di novembre.

“I Comuni – afferma Monetti – non possono non pagare, per un servizio che comunque Nubile sta fornendo. In caso di rimodulazione delle tariffe, poi, si procederà con un eventuale conguaglio”. Monetti ad ogni modo si mostra fiducioso. A suo dire, infatti, entro venerdì prossimo i lavoratori dovrebbero avere le loro spettanze. Alle ore 12,36 odierne, comunque, come appreso dal sindacato Cobas, Nubile non ha ancora ricevuto i bonifici. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori Nubile ancora senza stipendio: nuovo incontro in prefettura

BrindisiReport è in caricamento