menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Dipendenti Asl Brindisi vittime di sessismo": diffida della Cgil

Il sindacato denuncia comportamenti discriminatori e vessatori nei confronti delle lavoratrici: "Urgono provvedimenti"

BRINDISI – Il sindacato Cgil denuncia vessazioni e comportamenti discriminatori di stampo sessista nei confronti delle dipendenti dell’Asl Brindisi. Lo fa attraverso una lettera in cui invita e diffida l’azienda sanitaria ad intraprendere ogni azione finalizzata a stroncare tale fenomeno e garantire quindi alle donne la libertà di “esercitare la loro professione nei luoghi a ciò deputati”. La missiva, a firma del segretario generale della Cgil Brindisi, Antonio Macchia, e del segretario della Fp Cgil, Pancrazio Tedesco, è stata indirizzata al direttore generale dll’Asl, Giuseppe Pasqualone, e alla consigliera di parità della Provincia di Brindisi. 

“E’ inconcepibile che nell’anno 2019 - si legge nel documento - questo sindacato sia ancora costretto a dover denunciare atteggiamenti offensivi e chiari riferimenti sessisti tenuti da colleghi nei confronti di loro colleghe che hanno il sol torto di essere donne e rappresentare per loro un oggetto di desiderio”.

“Reiteratamente le lavoratrici – denuncia il sindacato - sono costrette a subire battute a sfondo sessuale oppure osservazioni da parte di colleghi maschi, anche alla presenza di più persone. Dunque il problema è sia nel contenuto, che nella frequenza con cui commenti, comportamenti ed osservazioni di questo tipo vengono usati in contesto lavorativo”.

La Cgil ha ricevuto diverse segnalazioni di condotte sessiste “che non possono essere sottaciute poiché rappresentano l’emblema di retaggi culturali non degni di un Ente che lavora per il benessere psico fisico dei cittadini”. “Taluni di questi atteggiamenti – proseguono Macchia e Tedesco - saranno oggetto di apposita denuncia da parte delle interessate, ma ci premeva sensibilizzare l’ente di quanto accade sul luogo di lavoro, anche perché molte sono le donne che rinunciano a denunciare tali gravi accadimenti perché non hanno fiducia del sistema in cui sono costrette ad operare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento