Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Bouquet da sposa 2.0 in alluminio: le creazioni di una brindisina nella rubrica del Tg2

Maria Cristina Schiavone protagonista della rubrica Costume & Società: la designer firma anche una linea di tulle bags.La designer: "Tutto è partito dalla richiesta di una ragazza che voleva fiori gioiello da conservare per sempre". Ospite anche della seconda edizione di Beauty Haute Couture all'Accademia L'Oréal di Roma, i suoi bijoux su Vogue

BRINDISI – Non più fiori per la sposa, ma bouquet 2.0 realizzati con filati d’alluminio impreziositi da swarovski che diventano simbolo dell’amore per sempre, quello che le donne di oggi sognano e cercano tra modernità e tradizione: la nuova tendenza nel mondo del wedding porta la firma di Maria Cristina Schiavone, brindisina d’adozione, protagonista ieri della rubrica di moda del Tg 2, Costume & Società.

bouquet-2La designer che firma le creazioni con il marchio “Es!By Cristys”, ha conquistato la Capitale suscitando la curiosità dei giornalisti di settore, dopo aver partecipato alla seconda edizione di Beauty Haute Couture, evento dedicato al mondo dell’alta moda e del matrimonio, organizzato Barbara Molinario in collaborazione con l’Accademia L’Oréal di Roma. La kermesse si è svolta lo scorso 10 febbraio nella sede dell’Accademia, in piazza di Spagna, cuore della Capitale, dove sono arrivate le telecamere del Tg di Rai 2, con giornalista al seguito. Risultato? Amore a prima vista per i bouquet lavorati a mano da Maria Cristina Schiavone che mai pensava di essere catapultata negli studi della Rai per presentare le creazioni, men che meno di essere considerata come rivelazione per le nuove tendenze nel mondo delle nozze, sintesi perfetta tra modernità, l’essere 2.0 del Terzo Millennio, e la tradizione, l’essere romantica.

L’intervista è andata in onda nell’edizione di ieri, 16 febbraio, alle 13,30, in coda al telegiornale. Ed è stato un boom su Facebook.

bouquet bis-2“E’ stata davvero una bellissima esperienza”, racconta la designer nata a Taranto, ma brindisina a tutti gli effetti, essendo residente in città da anni.  Nel suo laboratorio le idee prendono forma diventando creazioni uniche perché non c’è mai un bijoux uguale a un altro: ci sono perle, fili colorati, stoffe, tulle, veli, ricami, piume di ogni colore, forma e dimensione, Maria Cristina Schiavone riesce sempre a trovare quelle giuste per ogni donna.  Basta affacciarsi nel suo regno per respirare l’estro creativo, un mondo che non pensava potesse niente di meno che arrivare anche sulle pagine di Vogue Accessory on line, periodico cult per le fashion victims.

“E’ iniziato tutto qualche anno fa, quando una mia amica mi chiese un consiglio perché voleva un bouquet in grado di resistere al di là del giorno del matrimonio: voleva conservarlo per sempre per avere un ricordo che sfidasse il tempo e con i tradizionali fiori, la cosa non era proprio fattibile”, racconta appena rientrata a Brindisi da Roma. “Le ho detto:  proviamo a vedere cosa succede se incrociamo i fili di alluminio con i quali mi divertivo a realizzare qualche lavoretto per me e mia figlia, tra bracciali e collane. Ne avevo un po’ smaltati, color argento, ho iniziato ad abbinarli a perle e cristalli di swaroski, richiamando il movimento naturale dei fiori, con un nastro di seta per legare il tutto”.

Quella creazione, il primo bouquet, non solo è stato protagonista del giorno del “sì”, il più importante per la ragazza, ma è stato notato da un atelier tulle bags-2per abiti da sposa del Brindisino che ha voluto quel mazzo di fiori moderno per presentare la nuova collezione. I fili di alluminio intrecciati a mano e arricchiti con bijuox sono arrivati uno dopo l’altro: “Uno per ogni abito, uno per ogni sposa perché ogni donna che decide di convolare a nozze merita di avere un bouquet prezioso che duri per la vita, perché è questo che sogniamo tutte: un amore che sia davvero per sempre, presente e vivo ogni giorno”.

Cupido continua a fare il suo lavoro, a lanciare frecce, lei a creare bouquet e non solo. Perché di recente la linea Es! by Cristys si è arricchita di una nuova idea: borse di velo, tanti, tantissimi e colorati, si chiamano “tulle bag” e sembrano nuvole che riprendono le tonalità dell’arcobaleno, anche queste rilanciate nella rubrica Costume & Società assieme alle collane, ai bracciali e agli orecchini in corda, alluminio, perle, coralli e cristalli.

“E’ un modo nuovo di concepire la borsa: pratica, ma chic e al tempo stesso un po’ sbarazzina e romantica”, spiega. “Anche in questo caso, la prima creazione è arrivata per caso, direi per gioco perché ho usato un velo che avevo a casa. Mi sono chiesta in che modo potessi riutilizzarlo”. La creatività ha portato alla risposta. Tutte le idee firmate Maria Cristina Schiavone sono raccolte sulla sua pagina Facebook: qui il sgno continua, c’è posto per tutte le future spose e per le donne che vogliono un po’ di magia ad accarezzare la vita quotidiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bouquet da sposa 2.0 in alluminio: le creazioni di una brindisina nella rubrica del Tg2

BrindisiReport è in caricamento