menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le marine a sud di Brindisi verso un nuovo look: presentato il progetto

Decine di cittadini provenienti anche dai comuni limitrofi hanno partecipato, nella mattinata di oggi, sabato 21 novembre, alla presentazione del progetto di riqualificazione urbana e costiera che interesserà nei prossimi mesi le marine di Torre San Gennaro, Lido Presepe e Lendinuso, di competenza del comune di Torchiarolo

TORCHIAROLO – Decine di cittadini provenienti anche dai comuni limitrofi hanno partecipato, nella mattinata di oggi, sabato 21 novembre, alla presentazione del progetto di riqualificazione urbana e costiera che interesserà nei prossimi mesi le marine di Torre San Gennaro, Lido Presepe e Lendinuso, di competenza del comune di Torchiarolo. Nella mattinata di oggi, nella sala Valesium si è tenuta la premiazione del “concorso di progettazione per la valorizzazione e riqualificazione integrata del paesaggio costiero del Comune di Torchiarolo” e la presentazione dello stesso progetto che nel giro di un anno trasformerà le marine della costa Sud. In totale la regione Puglia ha stanziato 24 milioni di Euro suddivisi equamente tra i cinque Comuni o gruppi di comuni ammessi al finanziamento: Torchiarolo, Gallipoli, Melendugno, Ugento, raggruppamento di Comuni di Ortelle, Diso, Spongano e Andrano.i cittadini guardano i progetti-2

Per la riqualificazione della costa di Torchiarolo sono stati presentati sette progetti, uno escluso perché presentato in ritardo, due scartati per mancanza di requisiti previsti dal bando o per non aver centrato i requisiti del bando stesso. In quattro hanno avuto accesso alla fase successiva. Si è aggiudicato il premio il team dell’architetto paesaggista Immaculata Jansana Ferrer di Barcellona che oggi ha presentato ai cittadini, a grandi linee, la “trasformazione” che interesserà le marine di competenza del Comune di Torchiarolo, nell’ultimo periodo particolarmente trascurate e in degrado.

“Vivere direttamente il mare, la costa, la natura”, è l’obiettivo principale del nuovo piano di restyling: da Campo di Mare fino a località Canuta sarà realizzata una pista ciclabile, pedonale e carrabile che in alcuni casi (dove le condizioni lo permettono) attraverserà l’arenile. Il centro delle marine sarà chiuso al traffico, sempre nell’ottica di vivere la natura al cento per cento, naturalmente nasceranno aree parcheggio in grado di fronteggiare l’interdizione delle strade. Naturalmente senza grossi disagi per i residenti.

partecipanti all'incontro-2La riqualificazione interesserà anche il porticciolo turistico, da anni in attesa di restyling tra proteste di pescatori e cittadini: saranno eliminati gli scivoli e creati pontili in materiali ecosostenibili e nascerà un’area destinata alla vendita del pesce fresco, un vero e proprio mercato direttamente dal mare. Anche l’illuminazione pubblica, le strade, piazzale Garibaldi e le piazze di tutte le marine verranno riqualificati, verranno utilizzate lampade a led. L’oasi naturale Quatina diventerà un parco naturale direttamente collegato al mare, sarà attraversata da camminamenti in legno pedonali e ciclabili e ponticelli anche per i diversamente abili. Stesso discorso per le dune.

Il Comune di Torchiarolo, in linea con quanto previsto dal Pptr (Piano Paesaggistico Territoriale della Regione Puglia) e con un processo partecipativo della cittadinanza degli operatori sociali-economici-culturali e delle forze politiche presenti sul territorio, aveva individuato cinque obiettivi: rifunzionalizzare e riqualificare i Water-Front, riequilibrare il rapporto costruito - ambiente naturale,  razionalizzare il sistema delle comunicazioni viarie, rafforzare le connessioni ecologiche, rigenerare i sistemi ecologici costieri.

Il progetto premiato rispecchia tutti e cinque gli obiettivi. “Integra su una fascia costiera profonda interventi articolati su water front urbani, sulle mentre si osservano i progetti-2urbanizzazioni periferiche, sui sistemi dunali, sulle zone umide, sui paesaggi ad alta valenza naturalistica, sui collegamenti con gli entroterra costieri, sulla mobilità dolce”, si legge nella promo di presentazione. I lavori verranno appaltato nei prossimi mesi ed entro dicembre 2016 le marine avranno un nuovo look. Uno degli aspetti importanti emersi durante l’incontro è l’intenzione dal parte del sindaco di Torchiarolo, Nicola Serinelli, di creare un’unione dei comuni tra San Pietro Vernotico, Torchiarolo, Cellino San Marco, Trepuzzi e Squinzano, per gestire al meglio i servizi e lavorare insieme per ottenere ulteriori finanziamenti di riqualificazione costiera.

Tra i prossimi obiettivi c’è quello di intervenire contro l’erosione costiera attraverso la realizzazione di barriere soffolte. Si tratta di “strutture modulari in cemento armato, posate e accostate sul fondale marino, lungo una linea continua, parallela al litorale e a distanza di almeno cento metri da esso, allo scopo di dissipare l’energia del moto ondoso, favorire lo scorrimento della sabbia verso la riva e contrastarne il ritorno, in modo da limitare l'erosione delle coste”. Il costo di quest’opera si aggirerebbe intorno ai dieci milioni di euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: superata quota 6mila decessi, contagi in aumento

  • Sport

    Happy Casa a corto di energie: Sassari passa al PalaPentassuglia

  • Politica

    Piano urbanistico generale, cubature da rivedere al ribasso

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento