menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legambiente: "Si riattivi il Centro di prima accoglienza fauna selvatica in difficoltà”

Il presidente Legambiente Brindisi Nicola Anelli, chiede la riattivazione del servizio pubblico della Provincia di Brindisi "Centro di prima accoglienza fauna selvatica in difficoltà"

BRINDISI – In una lettera inviata agli organi provinciali competenti, il presidente Maurizio Bruno, il capo di Gabinetto Francesco Civino, il segretario generale Fabio Marra, il dirigente tecnico Vito Ingletti, oltre che all’assessore regionale al Lavoro Sebastiano Leo, all’assessore alla Qualità dell’ambiente Mimmo Santorsola e agli organi di informazione, il presidente Legambiente Brindisi Nicola Anelli, chiede la riattivazione del servizio pubblico della Provincia di Brindisi “Centro di prima accoglienza fauna selvatica in difficoltà”, sospeso per la messa in Cassa Integrazione in Deroga del personale della Santa Teresa, la società in house della Provincia di Brindisi. Ricordando che “La normativa nazionale e regionale a tutela della fauna selvatica non è stata modificata ed è  tuttora in vigore (L. 157/92; L.R. 27/98) la specifica competenza della Provincia”.

“Dal 2001 ad oggi la Provincia di Brindisi ha garantito egregiamente il recupero, la cura ed il rilascio in libertà di esemplari di fauna selvatica rinvenuti nel territori provinciale  e spesso anche provenienti da province limitrofe utilizzando per lo svolgimento di tale importante servizio strutture e attrezzature faunistiche ( voliere, stabulario, locali per il ricovero e la cura ) e personale qualificato  che nel tempo ha acquisito maggiore professionalità grazie a specifici aggiornamenti nel settore. L’esistenza di detto Centro (Crfs) consente un intervento tempestivo  su richiesta dei Corpi di Polizia, Comando Provinciale Vvff, del Servizio Veterinario Asl, del Corpo Forestale dello Stato,  dei cittadini e delle Associazioni, garantendo la corretta gestione della fauna selvatica rinvenuta in difficoltà”.

“In considerazione delle numerose attività garantite e dall’alto valore sociale ed ambientale di tutela e salvaguardia di fauna selvatica e specie protetta del Crfs, si chiede di voler considerare, nel nuovo ed imminente piano industriale  della Santa Teresa Spa- Provincia di Brindisi, la continuità operativa di questo Servizio, chiedendo eventualmente la collaborazione anche economica dei Comuni interessati ai quali si trasmette la presente per doverosa conoscenza. Detta collaborazione potrebbe risolvere incresciose situazioni dovute alla difficoltà di garantire la tutela della Fauna Selvatica bisognosa di soccorso così come previsto dalle vigenti leggi”.

“Legambiente da sempre sensibile alle suddette tematiche si riserva di procedere legalmente nel caso dovessero verificarsi situazioni di mancato soccorso previsto dalle vigenti leggi a tutela della fauna selvatica e di conseguente interruzione di pubblico servizio”.      

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento