L'Enel: "Fiamme domate"

BRINDISI - Nota ufficiale dell'Enel sull'incendio di stamani nella centrale di Cerano, per informare che la situazione è sotto controllo. L'Enel pochi minuti dopo ha aggiunto che le fiamme sono state domate sono state domate. Nel comunicato si fa sapere altresì che non vi sono danni a persone. "Questa mattina alle ore 9.15, presso la centrale Enel Federico II di Brindisi si è sviluppato un incendio sul sistema ambientale di desolforazione dell’unità di produzione numero 4, attualmente ferma per manutenzione. L’allarme - aggiunge l'ufficio stampa dell'Enel - è stato dato dagli operatori addetti al servizio di controllo della Centrale e ha permesso il pronto intervento del presidio stabile dei Vigili del Fuoco affiancato dalla squadra antincendio ed emergenza della centrale".

Il desolforatore da cui si è sviluppato l'incendio (ph Paola Bari)

BRINDISI - Nota ufficiale dell'Enel sull'incendio di stamani nella centrale di Cerano, per informare che la situazione è sotto controllo. L'Enel pochi minuti dopo ha aggiunto che le fiamme sono state domate sono state domate. Nel comunicato si fa sapere altresì che non vi sono danni a persone. "Questa mattina alle ore 9.15, presso la centrale Enel Federico II di Brindisi si è sviluppato un incendio sul sistema ambientale di desolforazione dell’unità di produzione numero 4, attualmente ferma per manutenzione. L’allarme - aggiunge l'ufficio stampa dell'Enel - è stato dato dagli operatori addetti al servizio di controllo della Centrale e ha permesso il pronto intervento del presidio stabile dei Vigili del Fuoco affiancato dalla squadra antincendio ed emergenza della centrale".

"L’intervento è stato immediato - sottolinea Enel - ed al momento l’evento è sotto controllo. Non risultano coinvolte persone e tutto il personale adibito alle attività di manutenzione del gruppo 4 è stato fatto allontanare dal luogo dell’incendio raggiungendo i punti di raccolta. Saranno presto avviate ispezioni e controlli per stabilire le cause e ripristinare i componenti danneggiati. La produzione della centrale non ha subito riduzioni".

Intanto è partito subito da Bari l'assessore regionale all'Ambiente, Lorenzo Nicastro, per accertarsi direttamente dell'accaduto. Nicastro incontrerà i responsabili della centrale Enel. Si presume che anche Arpa Puglia abbia attivato qualche forma di monitoraggio della situazione, per poi riferire sia alla stessa Regione che alla polizia giudiziaria ed al pm di turno alla procura di Brindisi. Nicastro informerà successivamente gli organi di informazione di ciò che sarà possibile apprendere sul posto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento