Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Un uomo, C.R., è rimasto ferito a un occhio. Sarebbe accaduto intorno alle 16.30 in via Canova al rione Grutti

MESAGNE – Accoltellamento nel pomeriggio di ieri a Mesagne al culmine di una lite tra due uomini. Un 30enne, C.R., è rimasto ferito all'occhio destro. È accaduto intorno alle 16.30 in via Canova al rione Grutti. Del fatto se ne sono occupati i carabinieri della locale stazione che dopo aver ascoltato la versione della vittima, coordinati dal capitano della compagnia di San Vito dei Normanni, Antonio Corvino, hanno avviato le indagini per l’individuazione del responsabile. L’autore dell’accoltellamento è stato arrestato nella notte. Si tratta di Vincenzo Carone, 61 anni. E' accusato di lesioni personali e violazione degli obblighi della Sorveglianza speciale. 

Da quanto ricostruito la vittima si è recata al Pronto soccorso con una ferita all'occhio riferendo di un incidente domestico, versione che non ha convinto i sanitari che non hanno esitato a contattare i carabinieri. I militari accertato che si era trattato di un accoltellamento hanno immediatamente avviato le indagini. Dall'esame delle telecamere installate nella via dove abita la vittima è emerso che il 61enne aveva aggredito con un coltello il 30enne al culmine di una lite. La scena è stata interamente immortalate dalle telecamere. La vittima ha riportato una ferita giudicata guaribile in 12 giorni. 

Articolo aggiornato alle 13 (Nome dell'arrestato e circostanze del ferimento)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento