menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La caserma dei carabinieri di Carovigno

La caserma dei carabinieri di Carovigno

Lite in albergo, arrestato immigrato

CAROVIGNO – Ancora un intervento dei carabinieri, seguito da un arresto, nel complesso alberghiero tra S.Vito dei Normanni e Carovigno dove sono ospitati numerosi immigrati giunti attraverso il canale di Sicilia in Italia. I carabinieri della stazione di Carovigno hanno tratto in arresto in flagranza di reato Yahya Hassah, 28enne del Ciad, per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

CAROVIGNO - Ancora un intervento dei carabinieri, seguito da un arresto, nel complesso alberghiero tra S.Vito dei Normanni e Carovigno dove sono ospitati numerosi immigrati giunti attraverso il canale di Sicilia in Italia. I carabinieri della stazione di Carovigno hanno tratto in arresto in flagranza di reato Yahya Hassah, 28enne del Ciad, per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

Il richiedente asilo politico e alloggiato nel complesso del Carbrun nell'ambito del piano per l'accoglienza degli immigrati predisposto dal Dipartimento della Protezione Civile, nella serata dell'11 febbraio, sotto l'effetto di sostanze alcoliche e nel corso di un acceso diverbio scaturito per futili motivi con il titolare dell'albergo, ha distrutto diversi arredi.

Poi ha opposto vivace resistenza ai militari arrivati sul posto su richiesta dei gestori della struttura alberghiera. I carabinieri sono riusciti alla fine a bloccare Hassah riportandolo alla calma. L'arrestato è stato associato alla casa circondariale di Brindisi a disposizione del pm di turno alla procura. La resistenza all'arresto è stata molto probabilmente dovuta al timore di essere rimpatriato.

Il Ciad è una delle zone più povere dell'Africa sub-sahariana, ed è continuamente coinvolto in crisi e conflitti come quello in atto nel vicino Mali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento