rotate-mobile
Cronaca

Lite tra squillo. Una denuncia

LECCE – Avrebbe insultato e minacciato con un coltello dalla lama di 17 centimetri un gruppo di ragazze di nazionalità bulgara, per questo una prostituta di Cisternino, V.S. 25 anni, è stata denunciata.

LECCE - Avrebbe insultato e minacciato con un coltello dalla lama di 17 centimetri un gruppo di ragazze di nazionalità bulgara, per questo una prostituta di Cisternino, V.S. 25 anni, è stata denunciata. Per lei l'accusa è possesso di strumento atto a offendere.

Le cause del diverbio che poi si è concluso con l'esibizione di un coltello contro le quattro donne di nazionalità bulgara, non sono ancora state accertate, si tratterebbe di futili motivi. L'episodio si è verificato nel pomeriggio di ieri, in via Oronzo Quarta, nei pressi della stazione ferroviaria di Lecce, a sedare la lite gli agenti della sezione volanti della questura di Lecce diretti dal vicequestore Antonio Ingrosso.

I poliziotti sono stati interpellati dalle stesse vittime quando si sono rese conto che la giovane donna armata di coltello che inveiva contro di esse non aveva buone intenzioni. Una pattuglia si è recata sul posto, la 24enne avrebbe consegnato di sua spontanea volontà il coltello agli agenti, ma questo non le ha risparmiato la denuncia. Trasferita presso gli uffici della Questura è stata identificata, l'arma è stata posta sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite tra squillo. Una denuncia

BrindisiReport è in caricamento