Madre denuncia figlio scassinatore

ARADEO – E' stato denunciato dalla sua mamma il 30enne che nel pomeriggio di oggi è stato arrestato dai carabinieri di Aradeo, nel Leccese, perché scoperto mentre cercava di aprire con la fiamma ossidrica la cassetta portavalori della sua vicina di casa contenente preziosi in oro.

Arresti operati dai carabinieri

ARADEO – E' stato denunciato dalla sua mamma il 30enne che nel pomeriggio di oggi è stato arrestato dai carabinieri di Aradeo, nel Leccese, perché scoperto mentre cercava di aprire con la fiamma ossidrica la cassetta portavalori della genitrice contenente preziosi in oro.

Si tratta del 30enne Francesco Cataldi, volto già noto alle forze dell'ordine. Dovrà rispondere di tentata estorsione. Una vera e propria madre coraggio, quella di Cataldi. O forse una donna sopraffatta dalla disperazione.

Nella mattinata di oggi la donna rientrando a casa ha visto fumo uscire dalla finestra al primo piano dell'appartamento. Si è precipitata all'interno per spegnere le fiamme, nella stanza invece ha trovato suo figlio che cercava di aprire una piccola cassaforte con la fiamma ossidrica.

Si sono susseguite scene di ira e disperazione. Il ragazzo non voleva saperne nulla di fermarsi, voleva solo gli ori. La proprietaria del forziere era scioccata. Cataldi inveiva senza fermarsi. È stato così che la madre, poi, riuscita a divincolarsi si è precipitata dai carabinieri chiedendo il loro intervento. Non poteva fare altro. L'uomo dopo le formalità di rito è stato trasferito nel carcere di Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento