menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Malore a 20 miglia dal porto: la Capitaneria soccorre un pescatore

Trasbordato su una motovedetta un 25enne di Monopoli che viaggiava a bordo di un peschereccio impegnato in una battuta di pesca. Il ragazzo è stato consegnato in banchina al personale del 118

BRINDISI – Nuova operazione di soccorso in mare aperto da parte di una motovedetta della Capitaneria di porto di Brindisi. Stavolta a chiedere aiuto attraverso il centro internazionale radiomedico è stato il comandante di un peschereccio, a seguito di un malore accusato da un marittimo di 25 anni di Monopoli a circa 20 miglia dal porto di Brindisi, intorno alle ore 10,30 di oggi (28 luglio), mentre era in corso una battuta di pesca. 

La Capitaneria, al comando del capitano di vascello Salvatore Minervino, ha attivato immediatamente la procedura “Medevac”, inviando sul posto una imbarcazione. Il ragazzo, alle prese con dei problemi respiratori, era vigile e cosciente.

Dopo il trasbordo, la motovedetta ha trasportato il giovane presso la banchina di viale Regina Margherita, dove c’era ad attenderlo un’ambulanza con personale del 118. Il malcapitato è salito con le sue gambe sulla barella. Successivamente è stato accompagnato presso il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento