menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltrattamenti in famiglia, spaccio e reati vari: quattro arresti e una denuncia

Arresti tra Brindisi e provincia da parte dei carabinieri: uno in flagranza di reato, tre per esecuzione di provvedimenti restrittivi e una denuncia per violazione degli obblighi

Arresti tra Brindisi e provincia da parte dei carabinieri: uno in flagranza di reato, tre per esecuzione di provvedimenti restrittivi e uno per violazione degli obblighi.

A Torre Santa Susanna, l’arresto in flagranza di reato: un 21enne, Antonio Vincenzo Margheriti è accusato di spaccio di stupefacenti. A seguito di perquisizione, è stato trovato in possesso di 43 grammi di marijuana e vario materiale per il confezionamento, sia in casa che nella sua auto. Dopo le formalità di rito è stato posto ai domiciliari.

I carabinieri della stazione di Oria, hanno eseguito un ordine di esecuzione pena emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Brindisi, nei confronti di Roberto De Virgilis 58enne del posto. Deve espiare il residuo di una condanna di 1 anno, 1 mese e 5 giorni di reclusione, per detenzione illegale di arma comune da sparo clandestina e relativo munizionamento, reato commesso a Oria nel 2013. Anche lui è stato posto ai domiciliari.

I carabinieri della stazione di Torchiarolo, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte di Appello di Lecce nei confronti di un uomo resosi responsabile di reiterate minacce nei confronti dei familiari conviventi. L’arrestato dopo le formalità di rito, è stato rinchiuso nella Casa circondariale di Lecce.

A Mesagne i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Brindisi – Sezione Penale, nei confronti di un uomo, riconosciuto colpevole di maltrattamenti in famiglia, inosservanza dei provvedimenti dell’Ag e illecita detenzione di oggetti atti ad offendere, reati commessi nei confronti della ex coniuge a Mesagne lo scorso 6 dicembre. La rapidità dell’emissione del provvedimento è stata determinata dalla grave situazione di pericolo in cui versava la donna. L’arrestato dopo le formalità di rito, è stato collocato in regime di arresti domiciliari presso altra abitazione fuori dal comune di Mesagne. 

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Brindisi, hanno denunciato un 22enne del posto S.R. per inosservanza degli obblighi imposti dall’Autorità Giudiziaria.  Il giovane, attualmente sottoposto al regime degli arresti domiciliari, nel corso di un controllo è stato sorpreso in compagnia di persona controindicata non facente parte del proprio nucleo familiare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento