Mamma e figlia senza casa e senza lavoro: "Aiutateci, siamo disperate"

Accorato appello della brindisina Anna Spagnoletto, sfrattata per morosità lo scorso 2 febbraio, insieme alla figlia 17enne

BRINDISI -  Se non fosse per l’ospitalità data da alcune amiche di buon cuore, si ritroverebbe in mezzo a una strada, insieme alla figlia 17enne.  Anna Spagnoletto, 53 anni, lancia un accorato appello affinché qualcuno la aiuti a trovare un lavoro e un tetto. La sua odissea è iniziata lo scorso 2 febbraio, quando è stata sfrattata da un appartamento in via Porta Lecce, perché da tempo non riusciva a pagare l’affitto. “Faccio dei lavori saltuari – spiega Anna – in casa di alcune persone. Ma non basta per pagare l’affitto”.

Anna lo scorso 23 gennaio ha inviato una lettera al Comune di Brindisi, chiedendo “un alloggio comunale in maniera trasparente e legale, in quanto la disperazione potrebbe portarmi a mettermi in una posizione abusiva”. “Dal 2007 – spiega Anna – sono seguita dai servizi sociali del Comune di Brindisi. A partire dal 2010 ho presentato diverse istanze per un alloggio in condizioni di emergenza abitativa. Ma non ho mai avuto alcun riscontro. E’ caduta nel vuoto anche l’istanza presentata per l’ultima volta nel 2016”.

Annamaria non può contare su alcun sostegno da parte della rete parentale. “Nel 2012 – prosegue – spno andata a vivere in un appartamento in affitto, ma nel 20145-15, per problematiche economiche-lavorative, non essendo in grado di pagare il canone mensile, sono diventata morosa, con conseguente sfratto esecutivo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2015, a seguito di presentazione di istanza di morosità incolpevole, lo sfratto è stato congelato. Ma nel frattempo la situazione economica di Anna non è migliorata e da giugno 2015 a gennaio 2018 sono maturate nuove morosità, per un importo pari a 8700 euro. Lo sfratto, a quel punto, era inevitabile. “Non potendo pagare il canone di affitto – conclude Anna – ho presentato recentemente domanda di canone di locazione comunale, per un massimo di tre anni, ma sto incontrando grosse difficoltà per reperire una nuova casa in affitto sia tramite privati che tramite agenzie immobiliari. Per cui adesso io e mia figlia 17enne ci ritroviamo senza un rifugio caldo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento