Cronaca Cellino San Marco

Mangiano dei funghi raccolti dal padre: gravi due sorelle minorenni

’è apprensione per due sorelle di 16 e 12 anni residenti a Cellino San Marco che da giorni sono ricoverate nel reparto di Nefrologia dell’ospedale Perrino di Brindisi a seguito di un’intossicazione da funghi. Da quanto appreso, le minorenni, insieme ad altri parenti, nella serata di domenica (18 ottobre) hanno consumato un "farinaccio" raccolto dal padre

CELLINO SAN MARCO  - C’è apprensione per le due sorelle di 16 e 12 anni residenti a Cellino San Marco che da giorni sono ricoverate nel reparto di Nefrologia dell’ospedale Perrino di Brindisi a seguito di un’intossicazione da funghi. Da quanto appreso, le minorenni, insieme ad altri parenti, nella serata di domenica (18 ottobre) hanno consumato un "farinaccio” (in gergo scientifico "Amanita ovoideaAmanita ovoidea-2", fungo ritenuto commestibile ma che da quanto si apprende dall’Asl da un po’ di tempo sarebbe tenuto sotto controllo in quanto legato a dei casi di intossicazione) raccolto dal padre.

Nel corso della notte, le malcapitate hanno cominciato ad accusare disturbi gastrointestinali: sintomo iniziale di una sindrome che successivamente colpisce i reni. Dopo circa 12 ore dall’ingestione dei funghi, sono state condotte in Pronto soccorso. Come prevede il protocollo, il personale sanitario ha allertato gli esperti micologici del Dipartimento di prevenzione dell’Asl Brindisi. Immediatamente, sempre da protocollo, è stato chiesto un consulto al Centro antiveleni di Milano.

La tempestività con cui le pazienti sono state sottoposte ai trattamenti del caso potrebbe aver scongiurato conseguenze peggiori, anche se entrambe, purtroppo, versano tuttora in condizioni critiche.

A quanto pare il padre non aveva frequentato i corsi di formazione propedeutici al conseguimento del permesso di raccolta. E a tal proposito, sulla scorta anche di questo e di altri casi di intossicazione verificatisi nel Brindisino dopo l’apertura della stagione di raccolta, l’Asl Brindisi ha indetto per martedì prossimo (27 ottobre) una conferenza stampa in cui verranno esposte “le nuove problematiche emergenti in campo micologico sul nostro territorio provinciale, e le attività di controllo e di informazione avviate dal Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione al fine di tutelare la fascia di  popolazione che si dedica alla raccolta dei funghi durante il periodo autunnale”.  

La speranza, ad ogni modo, è che le sorelle (la cui famiglia era già stata colpita da una tragedia) riescano a riprendersi quanto prima da questa terribile esperienza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mangiano dei funghi raccolti dal padre: gravi due sorelle minorenni

BrindisiReport è in caricamento