rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Provocazione di CasaPound alla Cgil: sabato manifestazione

Indetta dalle segreterie provinciale e regionale del sindacato. La solidarietà della Cisl di Taranto-Brindisi

BRINDISI – Manifestazione sabato 6 ottobre alle 10 davanti alla sede della Cgil di Brindisi, indetta dalla Camera del Lavoro provinciale e dalla segreteria regionale del sindacato dopo la provocazione attuata da CasaPound due notti fa con l’apposizione di uno striscione in via Togliatti, con cui si contestava la solidarietà offerta dalla stessa Cgil brindisina al sindaco di Riace.

“Chi sente di non avere nulla da condividere con queste formazioni di matrice fascista che praticano il culto dell'odio e della intolleranza verso il prossimo, potrà venire a manifestare con noi per la democrazia, l'accoglienza e la legalità”, dice il segrtetario generale della Cgil di Brindisi, Antonio Macchia”.

“Ci chiediamo cosa ha da dire il ministro dell’Interno sul fatto che le sedi del primo sindacato italiano – Brindisi non è purtroppo il primo caso – siano oggetto di azioni intimidatorie di gruppi neofascisti. Chiediamo se dopo la visita al quartiere Libertà di Bari non pensa di scendere ancora a Bari e a Brindisi per affrontare il tema di come pacifiche manifestazioni e sedi democratiche devono fare i conti con queste provocazioni che spesso sfociano in atti violenti”, fa eco un comunicato della Cgil regionale”.

“Rispediamo al mittente scritte provocatorie e xenofobe, firmate dalla stessa sigla che si è resa protagonista della violenta aggressione a Bari ai danni di quattro persone a margine di una manifestazione antirazzista”, si legge ancora nella nota della Cgil pugliese, dichiarando che il sindacato non si farà intimidire, e “a questo clima di inquinamento della vita democratica cui contribuisce anche la propaganda governativa anti immigrati”, risponderà sabato con una pacifica iniziativa.

La solidarietà della Cisl

Stamani alla Cgil è giunto un messaggio di convinta solidarietà del segretario generale della Cisl di Taranto-Brindisi, Antonio Castellucci: “La Cisl territoriale nell’esprimere solidarietà al segretario generale della Cgil di Brindisi Antonio Macchia condanna il gesto intollerante e mistificatorio di CasaPound consumatosi con lo striscione esposto presso la stessa sede sindacale, in viale Togliatti”.

“Immigrati tutelati, lavoratori abbandonati”, diceva lo striscione, e per Castellucci “è quanto di più insincero possa imputarsi al sindacato confederale nel territorio brindisino, impegnato com’è da anni unitariamente a proporre strategie di sviluppo, di salvaguardia occupazionale, di conferma e valorizzazione delle eccellenze produttive qui esistenti, di accoglienza, di nuovo lavoro per i giovani, di corresponsabilità sociale, di attrazione di investimenti pubblici e privati, di opportunità di risorse aggiuntive, di nuova capacità di interlocuzione con i governi regionale e nazionale”.

“Voler capitalizzare visibilità, pescando nel malessere sociale del nostro territorio, è quanto di più ingannevole e deleterio si possa fare ed è per questo che rilanciamo, come Cisl, l’appello a tutte le forze democratiche a denunciare ed isolare questo genere di azioni pseudo rivendicative e populiste confermando, al contempo, l’opportunità del rilancio di un dialogo sociale più efficace come ormai sollecitiamo da tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocazione di CasaPound alla Cgil: sabato manifestazione

BrindisiReport è in caricamento