menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manifestazione sotto la sede della Regione contro la vasca dei liquami al Pilone

Martedì 19 aprile alle 10,30 in occasione del Consiglio Regionale in via Capruzzi a Bari, il comitato di Salvaguardia Spiaggia Pilone -Ostuni, organizza una manifestazione di sit-in sotto il Palazzo sede del Consiglio Regionale

OSTUNI - Martedì 19 aprile alle 10,30 in occasione del Consiglio Regionale in via Capruzzi a Bari, il comitato di Salvaguardia Spiaggia Pilone -Ostuni, organizza una manifestazione di sit-in sotto il Palazzo sede del Consiglio Regionale per cercare di sensibilizzare in primis il presidente Regione Puglia Michele Emiliano e tutti coloro che possano dare il contributo a far sì che la vasca di raccolta liquami che Acquedotto Pugliese vuole realizzare sulla spiaggia del Pilone (progetto 2012), possa essere spostata a trecento metri all'interno del lido marino, dove era stata fissata prima, precisamente nel progetto del 2005.

Il comitato con questo evento cerca di parlare con il presidente Emiliano, l'unico che sinora non ha dato udienza ad una rappresentanza del comitato citato innanzi a difesa del nostro territorio, zona attigua al Parco delle Dune Costiere, una delle più belle spiagge d'Italia. Il comitato fa una riflessione: il presidente Emiliano si batte contro le trivelle nel mare dove ci vogliono milioni di voti con il Si, e poi non riesce ad intervenire in tal cosa per la salvaguardia del nostro territorio pugliese dove basterebbe il suo Si. Si precisa che la commissione Ambiente del Senato su interpellanza del vicepresidente senatore Vittorio Zizza ha fatto un'audizione circa un mese fa sia ai rappresentanti del comitato e sia dei vertici Aqp e Aip.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento